Categorie
2003

30.11.2003

Cari e amati figli!
Con grande umiltà e gioia nel mio Cuore, sono immensamente felice di potervi portare dal Cielo, in questo giorno così speciale, che è il giorno del Signore, un messaggio di vita, di speranza, di pace e di amore.

La Parola di Dio è il contenuto più sublime ed edificante del nostro essere ed esistere. Quando la ascoltiamo con grande sapienza e amore, sentiamo che il nostro cuore si trasforma e il nostro essere si sente completamente illuminato dalla Luce di Dio. Ecco perché oggi non possiamo mai permettere che questa Luce si spenga in noi. E Gesù, che è la Luce del mondo, la Via da seguire, ci insegna come avere un cuore umile e santo, dove la Luce si renderà presenza viva e non si spegnerà mai.

Il primo insegnamento che Gesù ci porta è chiederci: “Sii umile”. L’umiltà vale molto nella vita di un uomo. L’umiltà edifica molto l’anima di un uomo. L’uomo, per quanto sapiente sia, deve essere umile per saper ascoltare. Per quanto sia sapiente, deve essere umile per saper capire. Per quanto sapiente l’uomo dica di essere, deve essere umile per sapere che al di sopra di tutto c’è Dio.

Oggi, manca molto l’umiltà nel cuore degli uomini. Ecco perché l’uomo non si crede più l’opera, ma l’autore. L’uomo crede di essere tutto e il tutto. L’uomo non crede più di essere la creazione, ma il creatore. L’umiltà manca perché, crescendo nella scienza, l’uomo dimentica l’umiltà e dimentica che al di sopra di tutto c’è Dio. L’umiltà è la chiave per guadagnare la Vita Eterna, perché con l’umiltà abbiamo la sapienza per amare i più semplici, i più bisognosi, gli esclusi e gli abbandonati. Senza umiltà l’uomo non sa amare, pretende l’amore, si limita nel donarlo e condividerlo. Esige molto e si dona così poco. Senza umiltà l’uomo vive come uno schiavo, malato e infelice.

Ecco perché Gesù ci sta chiedendo: “Fate silenzio, fate silenzio, fate silenzio! Per guadagnare il mio Regno, siate umili! “

E oggi abbiamo molte belle testimonianze da dare in termini di umiltà. Il Santo Battesimo è la ricca presenza del Divino Spirito Santo nel cuore di tutti quelli che sanno essere umili e semplici, per lasciarsi guidare dai suoi sette meravigliosi doni.

Oggi, figli, l’umiltà è molto carente nella vita degli uomini, motivo per cui mancano pace, santo timore, gioia e felicità. Non possiamo mai permettere che l’orgoglio ci allontani da Dio. Dobbiamo avere molta sapienza per non vacillare. Quello che il Cielo ci sta chiedendo è fin troppo chiaro per far finta di non capire. Abbiamo non solo la possibilità di capire, ma il canale della virtù della sapienza. Possiamo capire perché ci viene data la sapienza.

E oggi sappiamo che è già tempo di lotta, tempo di ricerca, tempo di preparazione, tempo di edificazione. Oggi sappiamo già che è tempo di dare esempio ed essere esempio. Dio ha tanto bisogno di te! Ti sei mai fermato a riflettere su quanto Dio ha bisogno di te? Ha bisogno di te, ecco perché ti conduce alla Luce, ti porta a Lui, ti fa meditare sulla sua Santa Parola, ti invita alla liberazione, ti dà un cuore umile e mite.

Tu hai tanto bisogno di Dio! Per questo ringrazia! Ti sei mai fermato per ringraziare Dio oggi, questa mattina? Hai iniziato la giornata ringraziando Dio?

A volte l’uomo si preoccupa tanto per le cose del mondo, e non si preoccupa di essere in pace, con un cuore limpido, una coscienza tranquilla e un’anima santa. L’uomo dovrebbe essere più preoccupato di stare vicino a Dio, veramente, con l’impegno di edificare il proprio essere, perché quello che il Cielo ci porta è dovuto all’immensa necessità degli uomini. Dio non ci manda nulla per caso, ci manda tutto nella misura di cui abbiamo bisogno.

La mia venuta sulla Terra, figli, è una necessità del mondo, di ascoltare e imparare quello che l’uomo ha dimenticato di vivere: il Santo Vangelo, la Parola della salvezza.

Allora in questa urgenza dell’uomo di imparare, dobbiamo avere sapienza per sentire e sperimentare che Dio può agire in noi in ogni momento. Se Egli agisce in tutto e in tutte le cose, perché non nei suoi figli? Vedo molto orgoglio, dalla parte umana, di pensare che Dio sia così lontano, ma in realtà Dio è così vicino a te. Come dicevano i veri santi: “Dio vive in me!”. Allora perché oggi l’umanità vede Dio così lontano? Quello che il nemico vuole è che l’uomo veda Dio sempre più distante, lontano. Ma quello che vengo a insegnarvi qui, figli, è che Dio è molto più presente nelle vostre vite di quanto possiate immaginare. È molto più presente nelle vostre vite della stessa aria che respirate, perché quest’aria che respirate è per la grazia di Dio, che è in voi.

Se l’uomo meditasse veramente, avrebbe una felicità sublime e una pace infinita, perché Dio è infinito, la sua misericordia è infinita. Ma l’incredulità oggi è immensa, la mancanza di rispetto è totale. Sono triste quando vedo che l’uomo sta scambiando la Luce, che è la virtù dell’anima, per l’oscurità delle tenebre, che è la distruzione dell’anima. E oggi lo vediamo molto chiaramente, figli miei! Esistono molte creature nel mondo che preferiscono il dolore alla Salvezza, allo stesso Salvatore.

E oggi, in questo giorno, che è il giorno del Signore, questo è molto chiaro per noi: l’abbandono di Gesù, la mancanza di adorazione, Egli da solo in attesa di coloro che hanno fame, ma che non hanno sapienza nel cuore per cercare il Vero Alimento. Oggi, nel giorno del Signore, quante creature si limitano all’avere, al potere e al piacere. Non hanno gioia e soddisfazione nell’anima di stare un minuto con Dio, riflettendo sulla grazia di Dio. Allora vogliamo pregare per il mondo, perché Dio ha portato voi qui, pellegrini, che avete attraversato momenti così difficili, affinché possiate pregare per il mondo intero. Perché sono arrivati ​​i tempi finali, le tribolazioni sono alle porte e vincerà solo l’uomo di fede, che avrà la vera armatura del cristiano, che è la sua fortezza, Gesù Cristo stesso, il Signore del mondo.

Presentiamo qui tutte le necessità che il mondo ha oggi e che il Brasile sente: liberazione, pace, la Misericordia di Dio, la bontà di Dio. Che Egli ci difenda da tutta le cattiverie e le malizie del demonio, che è il nostro nemico.

Con grande amore vi darò la mia benedizione!

la Madonna benedice i presenti

Cari e amati figli!
Vi ho benedetti con grande amore!

Quello che Dio fa nella nostra vita è meraviglioso e quello che noi dobbiamo fare è permettergli di compiere queste meraviglie nella nostra vita.

Ecco perché il messaggio di oggi ci ha reso pienamente consapevoli dell’umiltà. Umiltà e carità sono contenuti molto belli per la crescita spirituale dell’uomo. È come Gesù ha detto in questo messaggio: “Per quanto saggio diventi, devi avere sapienza per ascoltare, per perdonare, per voler bene a tuo fratello, per amarlo e, soprattutto, per ascoltare Dio che agisce nel tuo cuore.”

A volte l’uomo si riduce molto alla materia, ma la materia, figli, è semplicemente uno strato di polvere. L’uomo deve cercare l’apertura del suo cuore, la crescita spirituale della sua anima per avere ancora più pace. Perché oggi, se riflettiamo su cosa stia causando la tribolazione nel mondo, ve lo riassumo in una sola parola: totale mancanza di amore, a Dio e agli insegnamenti che Egli ha lasciato. Questa è la principale causa di sofferenza nel cuore delle persone. Se il mondo amasse, il mondo sarebbe aperto al perdono, all’umiltà, alla carità e così le persone vivrebbero più in pace, con la coscienza tranquilla e il cuore pieno di Luce. È come Gesù stesso ha detto: “Oggi molte persone, anche quando sono dentro la Casa di Dio e ascoltano il Cielo, hanno il cuore distante”. Perché? Perché molti preferiscono seguire le tenebre piuttosto che la Luce.

Chiediamo a Gesù di aiutarci affinché non permettiamo al nemico di prendersi gioco di noi, figli!

Per questo vi lascio il mio Cuore e porto con me il cuore di tutti voi. Ho consacrato questo pellegrinaggio al Cuore di Gesù e al mio Cuore, affinché possiate essere questi figli sempre perseveranti, assetati di seguire la Via che conduce alla Vita Eterna: Gesù Cristo stesso.

Restate nella pace di Dio! Voi siete i miei fiori, per questo vi dono il mio Cuore!

Rimanete tutti con la benedizione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo!

Ora vado, il Signore mi chiama. Ecco la Serva di Dio!