Categorie
2002

08.12.2002

Cari e amati figli!
Oggi, in questo bellissimo pomeriggio del giorno del Signore, il mio Cuore è veramente colmo del profumo dell’amore di ognuno di voi.

Io, Maria, l’Immacolata Concezione, Madre della Chiesa, oggi voglio parlarvi dell’amore di Dio, specialmente perché qui in questa Valle di Preghiera – la Valle dell’Immacolata Concezione – la grazia di Dio è ogni giorno maggiore.

Sono molto felice, perché oggi avete ricevuto un grande dono. Un dono che fa sì che questo luogo diventi sempre più un santuario di fraternità; perché quello che rende questo luogo un santuario, figli, è la vostra preghiera, la vostra fede, la vostra unione.

Nel momento in cui avete guardato con gioia questo mio ritratto di Madre, sono stata ancora più felice di vedervi alzare il vostro rosario e dirmi: “Madre, facciamo parte del tuo esercito qui nella tua Valle di Pace!”.

Voi festeggiate nel vedere il ritratto della Madre; la Madre festeggia nel vedere la fede dei suoi figli. E questo spiega perché il mio Cuore è un Cuore Immacolato, perché sono la Madre di tutti i titoli, nazioni, generazioni, lingue e popoli.

Qui, oggi, voi state onorando l’Immacolata Concezione, la Madre e Signora della Pietà, state incoronando Maria, la Signora del Sacro e Immacolato Cuore. Sono molto felice perché il mio Cuore è veramente profumato dal vostro amore, ma anche circondato dalle spine, perché soffro nel vedere tanti figli che negano Dio. Sono anche molto felice di vedere la vostra dedizione e affetto. Che bello!

Mi dispiace per quelli che dovrebbero essere qui anche loro.

Quanto tempo impiega l’uomo per svegliarsi ai segni del Cielo! Quanto tempo impiegano le persone ad aprire gli occhi a una cosa così bella! Perché la Valle è un posto bellissimo, e diventerà ogni giorno sempre più bello, perché il Cielo è qui. Il Cielo è qui e protegge tutti i pellegrini che vengono.

Che bel pomeriggio che il Cielo ci ha dato oggi, perché il Cielo sapeva che il pellegrino di fede non avrebbe misurato i suoi sforzi per arrivare qui. Il Cielo ha benedetto questi pellegrini fedeli, perché qui sta nascendo una Chiesa viva. Una Chiesa che ama, che rispetta i comandamenti, i sacramenti; una Chiesa che ha obbedienza al Santo Padre, una Chiesa fedele a Cristo.

Questo è ciò che rende la Valle una valle sempre più illuminata. In questo pezzettino di terra scelto dal Cielo, oggi potrete guardare questo ritratto della Madre e dire: “La Madre del Cielo – con l’aprirsi del Cielo – è scesa tra di noi in corpo e anima”.

Ma io so, figli, che nel giorno del Trionfo del mio Cuore Immacolato, non vedrete il ritratto della madre, vedrete la Madre del Cielo. E in quel giorno mi sentirò la madre più felice.

Quindi ringraziamo il Cielo, sia per questo bellissimo giorno, sia perché avete un’arma così bella tra le mani. Perché oggi la gioia più grande che ho avuto e che ho è quella di essere incoronata come una vera regina dei cuori degli uomini.

Questo bellissimo rosario che state vedendo nelle mani del ritratto, è tra le mani anche della Madre che è qui in corpo e anima, perché il rosario è l’arma che ci difenderà dal nemico. Il Rosario è una devozione amata e rispettata dai pellegrini di fede, perché qui c’è un grande apostolato del Santo Rosario.

Anche Gesù è qui in mezzo a noi. E in questo momento, Egli ci porta la sua misericordia. Da qui in avanti, figli miei, ci uniremo ancora di più alla misericordia di Dio, perché so che questo dono che avete ricevuto dal Cielo provocherà una grande furia nel nemico, e perché attraverso questo dono, che è la mia venuta in corpo e anima qui in questo luogo di preghiera, tante anime si stanno salvando. Fermiamoci e meditiamo. Quante!

Tu, pellegrino, devi guardare te stesso e dire: “Io sono una di queste anime che si sta salvando, perché qui ho imparato ad amare!”

In quale luogo del mondo, sulla Terra, si vive l’amore come una vera famiglia?

Quando arrivi qui, non sei un figlio straniero. Sei un figlio del Cuore Immacolato di Maria! Allora arrivi alla casa della Madre del Cielo, dove c’è il Cielo. Il Cielo è bellissimo, figli miei!

Sono stata così felice per questa incoronazione nel giorno dell’Immacolata Concezione, in questa nazione così bella e speciale: il Brasile!

Voglio che siate molto fedeli al Cuore Misericordioso di Gesù e al mio Sacro Cuore!

Ecco perché, in questo momento, desidero che diciate con me: “Mio Signore e mio Dio! Io, tuo pellegrino di fede, consacro il mio cuore al Cuore Immacolato di Maria, chiedendo pace, speranza e amore per tutta la Santa Chiesa. Amen.”

In questo momento, con tutto il mio amore materno, vi darò la mia benedizione.

la Madonna benedice i presenti

Cari e amati figli!
Vi ho benedetti con tanto amore!

Oggi è un giorno molto speciale per il mio cuore, è un giorno speciale per il Brasile. È un giorno speciale per questo luogo così piccolo, ma così ricco, che è la Valle dell’Immacolata Concezione.

Sono qui presente come Madre e Signora della Pietà, ma Dio ha eletto questo posto ad essere la Valle dell’Immacolata Concezione, che ha il significato ricchissimo di essere il luogo in cui tutti i figli sono accolti dalla Madre del Cielo, una Madre che ha tutti i titoli, ma che è unicamente la Madre del Cielo. Non sarebbe così bella se questa valle avesse il nome di Valle della Pietà, ma è la Valle dell’Immacolata Concezione! Questo è ciò che profuma la Valle.

Una gioia molto grande, figli miei, è anche che – come Madre e Signora della Pietà – Dio mi invia a voi somigliante alla vostra nazione, con gli occhi castani, la pelle olivastra e con il cuore aperto e ricco di amore per i miei figli.

Ma oggi voi mi state incoronando come Madre del Sacro Cuore, in preparazione al Trionfo del mio Cuore Immacolato. Tutto è un disegno di Dio. Poteva essere il ritratto della Signora della Pietà, ma quest’anno, nel giorno dell’Immacolata Concezione, Dio l’ha voluto così, come Signora del Sacro Cuore.

È il significato del Trionfo del mio Cuore Immacolato, del quale oggi possiamo già sentire il profumo. La Valle è il luogo in cui mi manifesto in corpo e anima, il luogo in cui sono presente in questo momento: vorrei tanto che i vostri occhi potessero guardare questo ritratto e sentire che in questo momento io vi sto guardando, ricoprendovi con il mio manto. Con il mio manto disteso su ogni figlio, in particolare sui bambini, sui giovani. Perché amo tanto i giovani. Sono così felice, perché qui ci sono tanti giovani. E vorrei dire a voi, giovani che ascoltate la Madre: seguite i passi di Gesù, fate tutto quello che mio Figlio vi dirà!

Sono felice per le madri e i padri che sono qui presenti. Che Dio vi benedica!

Sono qui con voi, vegliando su di voi in questo momento. Prendendomi cura di ogni figlio, delle sue necessità.

Non preoccupatevi, figli! Le vostre richieste sono state consegnate a Gesù. Nel momento in cui vi ho benedetti, ho consegnato a Gesù le vostre richieste ed Egli ha profumato questo luogo con la sua misericordia, purificando i cuori di tutti i pellegrini qui presenti.

Vorrei solo che comprendeste che, in questo giorno e in questo pomeriggio, voi siete come un figlio in braccio alla madre. Vi sto prendendo in braccio con le mie mani e vi sto dicendo: il Sacro Cuore di Maria che state guardando, è il ritratto di una Madre che vi ama tanto!

Nel giorno del Trionfo del mio Cuore Immacolato, desidero che siate dentro il mio Cuore e che non siano più queste spine a circondarlo, ma la fiamma viva del vostro amore.

Per questo pregate, figli! Siate creature di fede e perseveranza!

Grazie per questo sì, per questa gioia. Perché nel momento in cui avete steso le mani e avete alzato il vostro rosario, il mio Cuore si è sentito consolato, e il demonio è stato incatenato.

Per questo andiamo avanti, perché ci stiamo incamminando verso un viaggio ancora più pesante. Ma non scoraggiamoci. Io sono con voi e non vi abbandonerò, perché il Cielo veramente vi ama.

A tutti voi che mi avete offerto bellissimi fiori, dono il mio Cuore di Madre. Grazie, figli, per aver risposto alla chiamata di mio Figlio Gesù.

Rimanete nella pace con la benedizione e la misericordia di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo!

Ora vado, il Signore mi chiama. Ecco la Serva del Signore!