Categorie
2013

31.03.2013

Cari figli!
Siamo in festa! Abbiamo sperimentato, in modo così bello, la spiritualità e la presenza del Divino Spirito Santo in noi.

Oggi è la Domenica della Risurrezione. Diciamo con gioia: “Abbiamo bisogno di risorgere per Gesù”. E poiché oggi è la Domenica della Risurrezione, io, Maria, voglio insegnarvi come ottenere questa risurrezione.

Durante il ritiro spirituale abbiamo avuto delle belle meditazioni, fin dal primo giorno. Gesù ci ha parlato dell’Ultima Cena, della Santa Eucaristia, degli strumenti scelti – apostoli e discepoli – che sono diventati veri fondamenti di evangelizzazione, per evangelizzare il mondo.

Oggi cerchiamo la guarigione, la liberazione, l’esorcismo – che è qualcosa di molto serio. A volte è molto facile parlare, difficile è volere realmente una vita nuova.

Poi abbiamo incontrato Gesù Misericordioso; siamo nella Novena della Divina Misericordia, in cui state cercando le indulgenze per la vostra vita e per le famiglie.

Gesù ha parlato della veglia, della preparazione. La cappella è piena di gioia e di amore. Avete reso omaggio a Gesù Risorto con questo pellegrinaggio. Qui sono presenti i figli scelti da Dio, che hanno vissuto questo ritiro spirituale, e oggi è la Domenica di Pasqua.

Ma in questa domenica di Pasqua, di Resurrezione, vogliamo fare una meditazione diversa. Mediteremo su come raggiungere la risurrezione. Perché Gesù ci dà questa meditazione?

Perché è l’Anno della fede, della buona volontà e anche l’Anno dei giovani. È intuile concludere questo ritiro spirituale, figli, se nel tuo cuore ci sono ancora lacrime e non ti sei preparato per risorgere davanti alla Risurrezione – che è l’Agnello di Dio in mezzo a noi.

Allora voglio fare con voi una riflessione serena, di una madre che parla ai figli, specialmente ai giovani: Dio ha creato un mondo molto bello, e se guardiamo alla dolcezza di Gesù Risorto, resteremo incantati dalla bellezza che Dio ha creato! Ha creato un mondo perfetto: valli, fiumi, mari, ogni nazione con la sua cultura, lingua, etnia e colore. Allora il piano di Dio è perfetto. Anche se guardiamo l’Agnello di Dio – Gesù Risorto – ci stupiremo della bellezza dell’amore di Dio per noi!

Ma la vita non è così bella come dovrebbe essere. Purtroppo l’uomo è molto malato, specialmente i giovani; ma non tutti. C’è sempre un giovane che si trascina nelle trappole del demonio, un giovane che non sa ancora vivere la realtà che è il mondo. Perché devi fare delle scelte! Puoi seguire qualsiasi strada, ma non devi mai allontanarti dalla Via di Gesù. Il giovane ha tutto il diritto di essere felice, ma scegli una felicità lontana dall’errore e dal peccato.

Molte volte, anche tu pellegrino che sei qui, vai in pellegrinaggio, partecipi a momenti bellissimi, ma hai ancora bisogno di una grazia. A volte parliamo della fede, parliamo dei giovani, ma dimentichiamo che nell’anno della fede, nell’anno dedicato ai giovani, c’è anche una parola che si chiama “buona volontà”; devi avere buona volontà! Se non hai buona volontà non vivrai una Domenica di Pasqua, non celebrerai la Pasqua, non incontrerai Gesù.

Il mondo ha bisogno di buona volontà!

Una delle virtù della buona volontà è renderci capaci di vincere il peccato. Se non cerchi l’Eucaristia e la preghiera fervente, non sarai in grado di affrontare il mondo, le insidie ​​che sono presenti in esso. Devi essere ben preparato! Pensa a un soldato: per vincere la guerra, deve prepararsi. Per vincere il demonio dovete pregare; perché solo con la preghiera sarete in grado di fare quello che Gesù vi ha chiesto: “Vincere! Vincere il peccato! ”. Senza preghiera nessuno riesce.

Allora la grande ricchezza della Pasqua, di questa domenica di grazia, è essere felici, è Gesù glorioso che ci aspetta, è la nostra buona volontà. Dobbiamo volere e dire: “io voglio!”.

In un messaggio vi ho detto: “Figli, se dipendesse solo dalla Madre del Cielo, tutti voi sareste già nel Trionfo!”. Perché io voglio un mondo di pace per voi. Ma dipende anche da voi. Dio vuole la tua parte e il tuo sì; Dio vuole la tua buona volontà. Allora devi volere! Se guardiamo alla missione di Gesù, Egli ha vissuto la benedizione del Padre e dello Spirito Santo, ma ha anche vissuto e sofferto le conseguenze dei vostri peccati contro di Lui. Gesù ha vissuto questo per darti forza e salvezza.

Quando facciamo parte di una comunità, la parola “unità” suona in modo diverso alle nostre orecchie. Chi vive in comunità è una persona che vuole essere un figlio di buona volontà, che vuole vincere il demonio e vuole essere santo; è una persona che non vuole vivere la vita trascorrendo giorni e notti nelle fantasie e illusioni del mondo. L’unica certezza che abbiamo nella vita è che Dio è nostro Padre, Salvatore e Santificatore. La nostra vita risplende quando viviamo alla presenza della Santissima Trinità.

Voglio chiedere – specialmente ai figli qui presenti – di convertirvi, figli miei! Perché la Pasqua non serve se non hai cercato la conversione. Hai una bellissima missione da compiere qui sulla terra. Dio ti ha creato un figlio benedetto, ma Egli ha bisogno della tua conversione, perché non possiamo entrare in Cielo tenendo i piedi nella sofferenza.

Ora, cosa causa la sofferenza? La disobbedienza e la mancanza di rispetto a Dio; questa è sofferenza. A volte l’uomo pensa: “La sofferenza è una persona che affronta una malattia incurabile”. Ma non nella carne! Se essa ha Dio, avrà forza. La sofferenza è di chi ha l’anima nel peccato, è di chi non è in grado di vedere l’amore e abbracciarlo. Quando dici “Sii il benvenuto, figlio di Dio”, questo è amore. La sofferenza è per chi guarda il mondo e dimentica che esso contiene sfide e battaglie. Chi ha Dio e conosce la sua grandezza, vive con prudenza.

Gesù ha lasciato due pilastri di sostegno per la nostra fede, che sono poco divulgati nel mondo: la veglia e la preghiera. “Vegliate e pregate!” Egli sapeva che questo tempo di oggi sarebbe stato un tempo di dolore. Per questo dice: “Vegliate e pregate!”.

Spesso il giovane, il padre, la madre, il bambino, non sta seguendo il cammino della vita, ma il cammino della morte e dell’oscurità. La morte non è quando concludi il tuo passaggio sulla terra, ma quando dimentichi di essere figlio di Dio. Dobbiamo vedere la presenza di Gesù Risorto, perché il mondo deve svegliarsi.

Quando Dio mi ha inviata qui, figli, per far sì che i bambini che giocavano alzassero gli occhi al Cielo, fece suonare le campane. Oggi, in ogni messaggio, Gesù suona le campane di avvertimento e chiede all’uomo di essere capace, coraggioso e forte; perché la vostra battaglia è molto grande e non è facile. È ardua!

Gesù è la Pasqua, è il Dolce, Sacro e Santo Cuore, Egli vuole che abbiate una felicità in questa Pasqua: la conversione. Egli vuole che usciate da qui riflettendo su questo e su quanto avete bisogno di aprire gli occhi davanti a questo suono di campane. È Dio che ti sta chiamando: chiedendo il tuo sì e la tua trasformazione.

Con grande gioia, voglio benedirvi.

la Madonna benedice i presenti

Cari figli!
Ho benedetto con affetto tutti i figli, tutta la fraternità. Gesù ci rende fraternità. Colui che è la Resurrezione, la Pasqua, la dolcezza, la tenerezza, la soavità della liberazione.

Avremo una settimana di ricerca della misericordia.

Nel messaggio di oggi, Gesù ha chiesto la tua conversione. Parla della necessità della vostra buona volontà, specialmente dei giovani. Vincere è necessario! Ma vincere con la preghiera.

Nella benedizione di oggi ho chiesto a Gesù Misericordioso di riversare molta unzione, per vivere la Pasqua e prepararvi alla Festa della Misericordia.

Voglio congratularmi con mia figlia Adriana e mia figlia Sara. Voglio congratularmi anche con i figli che sono qui presenti, vivendo questa Domenica di Risurrezione con Cristo, che è risorto in mezzo a noi.

Rimanete con la benedizione del Padre, del Figlio e del Divino Spirito Santo.

A chi mi ha offerto questi bellissimi fiori, voglio offrire il mio Cuore.

Il Cielo mi chiama. Ecco la Serva di Dio!