Categorie
2002

13.01.2002

Cari e amati figli!
Con grande gioia e amore nel mio Cuore, sono molto felice di accogliervi in questo momento così sublime e speciale. Nel silenzio dei nostri cuori abita Dio!

Oggi è un giorno di grande rispetto, di molta preghiera e di molto silenzio. Oggi è il giorno del Signore!
In questo momento, tu che sei qui presente devi guardare dentro di te, esaminare bene la tua coscienza, fare un profondo atto di riparazione nel tuo cuore e chiedere a Dio perdono e misericordia.
Chiedi a Gesù di concederti sempre la sapienza, la forza, il coraggio e soprattutto la fede.
Perché quest’anno, figli, è un anno in cui pregare per la pace, a causa delle grandi tribolazioni che sorgeranno sotto forma di tristezze, depressioni, violenze, miserie. Dovrete avere molta sapienza per chiedere la pace, perché il mondo sta vivendo una situazione molto difficile, e in questa difficile situazione quello che è più triste è sapere che l’uomo sta barattando la felicità di Dio, che è felicità divina, per le cose del mondo, che oggi portano solo conseguenze dolorose alle famiglie, ai giovani e ai bambini.
Non è che Dio non vuole che tu usi le cose del mondo, ma vuole che tu sappia usarle per la tua salvezza, non per la tua condanna.

Oggi purtroppo l’uomo si è condannato con la sua mancanza di umiltà, carità e fede. È triste dirvi questo, ma il peccato è diventato sempre più distruttore dei cuori e delle anime.

Quanti sono quelli che non hanno più la forza per andare avanti, che si stanno scoraggiando così facilmente, che smettono di portare la croce, di compiere la loro missione, di avere umiltà e sapienza nel cuore e nell’anima per lottare.

Io desidero, figli, che voi siate forti, molto forti!
Che siate coraggiosi, prudenti e veri!

Desidero tanto vedere ogni figlio, da qui in avanti, con il cuore rivestito della luce del Divino Spirito Santo, essendo prudente, autentico e vero.
Perché il mondo è così vicino alla trasformazione della Terra, che sarà la trasformazione dei cuori dei figli di Dio.
Perché non è la Terra che è in pericolo, ma voi, i figli di Dio. La Terra è semplicemente una cosa e voi siete i figli di Dio, immagine e somiglianza di Dio.

È in voi che Dio ha posto tutto l’amore! Egli vi ha creati per amore! E siete voi, figli, quelli che oggi sono perseguitati dall’orgoglio, dall’invidia, dall’egoismo. Che oggi siete perseguitati dall’avidità, tormentati dal peccato, attratti da questo mondo di malizie, dove quello che il nemico offre è solo apparenza.

Chiedo sempre a Dio che voi siate forti, in modo da non lasciarvi sedurre da questo mondo di apparenze. Perché il mondo di oggi non ha più dignità, non ha più rispetto.

Quando parli di famiglia, dov’è il fondamento della famiglia, se oggi i genitori non amano più i loro figli, non hanno più rispetto per i loro figli? Se non c’è più amore nei cuori delle madri, nei cuori dei figli? Dove arriverà l’umanità con questa mancanza di amore?

Io so, figli, che raccogliete tutto quello che seminate.
Quindi se seminate cose buone e belle, raccogliete profumo e gioia per la vostra vita. Ma nel momento in cui seminate dolore, raccogliete tempeste.

E la tribolazione che verrà quest’anno sarà piena di queste tempeste, di tanta violenza, di tanta discordia, di tanta sofferenza!

Oggi hai bisogno di stare tra quelli che sono condannati, emarginati, esclusi, per sentire e vedere quanto il nemico si sta prendendo gioco dell’umanità. È terribile!
Ma è una realtà che oggi l’uomo non vuole vedere.
L’uomo è arrivato a un punto critico! La vita oggi non ha più quello splendore che dovrebbe avere. Nessuno rispetta più Dio. Nessuno ama più Dio.

Il Cielo mi manda per annunciarvi il ​​tempo della grazia, il tempo della misericordia! Ma pochi sono quelli che accettano le grazie e i messaggi del Cielo.
Molti si vergognano di camminare sulla via del Signore, di dare testimonianza di una vita nuova, di una vita di preghiera.
Molti non vogliono servire Dio con il cuore, con l’anima. Molti preferiscono lasciarsi prendere da questo mondo di condanna e di perdizione, di tristezze e di lacrime.

Dov’è l’infanzia dei bambini, la gioia dei giovani, se il mondo oggi si trova di fronte a un enorme abisso di tristezza e tenebre?

Vivere la pace? Dio è la pace!

Ma l’uomo ha completamente dimenticato Dio.
Oggi l’uomo nella sua vita mette in primo piano il divertimento, il piacere, il riposo, il lavoro.

Oggi è un giorno in cui le chiese dovrebbero essere riempite dalla presenza umana dei figli di Dio.
Ma dove sono i figli di Dio? Lontani da Gesù! Molti non hanno nemmeno il cuore aperto per la Santa Eucaristia.

Tu sei Chiesa? Ami? Perdoni? Vivi i sacramenti? Obbedisci ai sacramenti? Corrispondi alla chiamata di Dio nella tua vita?
E quando arrivano le terribili tempeste delle malattie inspiegabili per la scienza, quando la violenza colpisce la Terra, quando arriva la guerra, davanti a questo grande terrorismo che oggi è presente nel mondo molti chiedono: “Dov’è Dio?”.
E io vi dico: Dio è ovunque. Dio è in ogni luogo. Ma il figlio di Dio non trova più nel suo cuore un po’ di amore e di fede per vivere la volontà di Dio.

Oggi, quando si parla delle cose del Cielo, nessuno vuole viverle. Nessuno vuole spendere nemmeno un minuto della sua vita per fermarsi, meditare, riflettere e prendere consapevolezza.
Ecco perché so, figli, che non potete nemmeno immaginare la sofferenza che sta per arrivare sulla Terra e che colpirà voi, figli di Dio.
Per questo prega, non avere paura, ma sii prudente, rispondi alle chiamate del Cielo. Sii umile e silenzioso. Vivi una vita di dignità e rispetto. Non lasciarti attrarre da queste trappole velenose del male.

Sii forte! E quando il nemico ti tenta, dì come Cristo: “Allontanati, perché il mio cuore appartiene unicamente al mio Signore e al mio Dio”.
È in questo giorno del Signore che vi chiedo molta prudenza, molta sapienza e molto coraggio! Molta umiltà e molta semplicità!

Non lasciatevi prendere da questo mondo. Non permettetelo, figli! Perché da qui in avanti, chi cercherà una vita di dignità otterrà molto di più! Imparerà a condividere, a ricevere, ad amare, a perdonare.
Dio trasformerà il suo cuore!

Siamo già in cammino verso la trasformazione che Dio farà nel mondo. E il Cielo ci porta già un messaggio di trasformazione, di conversione, dove l’unico appello che Egli ci rivolge è: la preghiera quotidiana del Santo Rosario, l’amore vero per la Santa Eucaristia e una vita piena di carità, di umiltà e di santità.

Per questo, con tutto il mio amore di Madre, in questo momento voglio darvi la mia benedizione.

In questo momento la Madonna benedice tutti …

Cari e amati figli, vi ho dato la mia benedizione!
Nel momento in cui vi ho benedetti, ho chiesto a Gesù di illuminarvi in questo giorno – che è il giorno del Signore – e di trasformare il vostro cuore.

Questo messaggio di oggi è un messaggio forte, perché ci chiama al cambiamento di vita, alla conversione, alla fedeltà a Dio, alla ricerca delle cose del Cielo, alla vita di prudenza e di autenticità.

Ma è necessario il rispetto, figli miei. Se il mondo vuole davvero essere un mondo felice, è necessario che in questo mondo ci sia il rispetto, il timore di Dio e l’obbedienza al Cielo.

Restate in pace! Abbiate un pomeriggio alla presenza del Padre, del Figlio e del Divino Spirito Santo.
Ho benedetto tutte le vostre richieste, le vostre esigenze.
E sicuramente, in questo momento, tutto è già stato consegnato a Gesù. Sono pienamente certa che tutto verrà risolto, perché Gesù è Colui che ci ascolta, che ci insegna e che ci ama.

Ecco perché sono certa, figli, che per la fede otterrete quello che siete venuti a cercare, perché l’amore di Dio è pienamente ricco per ciascuno di voi.

A chi mi ha offerto bellissimi fiori, dono il mio Cuore di Madre! Ora devo andare, il Signore mi chiama. Ecco la Serva del Signore!