Categorie
2002

03.01.2002

Cari e amati figli!
Con grande sapienza e soprattutto amore e fede, vi chiedo affettuosamente che in questo momento – in cui abbiamo la felicità di essere qui per la volontà del Padre, per la bontà del Figlio e per la luce del Divino Spirito Santo – il vostro cuore sia pieno di amore, umiltà e semplicità.

È così bello e incantevole chi ha l’anima pura e il cuore umile! Ma oggi è difficile, figli miei, trovare questa umiltà e questa purezza nei figli di Dio. Ecco perché è necessario pregare. Guardare in profondità dentro di sé, rinunciare a tutte le debolezze degli occhi, alla malizia, ai desideri, ai piaceri, e cercare degnamente la dignità che ci conduce a Dio.

Un momento di preghiera come questo è il momento per ognuno di mettersi nelle mani di Dio. È triste quando gli uomini non sanno servire Dio come è necessario: con il cuore aperto, con l’anima piena d’amore.

So che sono molti quelli che dicono “Signore!”, ma non tutti lo dicono con il cuore. So che sono molti quelli che dicono “Io credo!”, ma nel momento in cui è necessario testimoniare la fede, tanti sono quelli che si tirano indietro.
Per questo vi chiedo molta perseveranza.
So che niente è facile, figli miei, soprattutto quando il nostro cammino segue i disegni celesti, la volontà di Dio. Quando vivi il Santo Vangelo e lo rifletti con la luce dello Spirito Santo nella tua anima, comprendi perché la sofferenza è sempre parte della vita di chi serve Dio, perché non esiste gioia senza la croce, senza la gloria, senza la resurrezione che Cristo ci ha dato. Gesù è la Resurrezione!
Ma oggi così pochi lo conoscono, così pochi lo amano, così pochi ne comprendono il valore.

Mi dispiace per quei figli che non sanno mettere la propria vita e le proprie azioni a servizio del bene. Il mondo ha tanto bisogno di creature dal cuore puro e santo, il mondo ha tanto bisogno che ci sia amore, che ci sia fede, che ci sia umiltà nella vita di ciascuno.

Oggi siamo qui, in una notte di grazia, di fede, in questo semplice luogo scelto dal Cielo, dove si trovano creature piccole, ma con l’obiettivo di lottare per la maggiore grandezza del mondo, che è la felicità e la guarigione del cuore e dell’anima. Perché è inutile che il tuo corpo sia privo di ferite se il tuo cuore è piagato dal dolore.
Il dolore che fa più male all’uomo, non è il dolore della carne ma quello dell’anima, perché questo porta l’uomo a cadere, a indebolirsi, conduce l’uomo alle peggiori conseguenze, per questo è necessario credere.

Alza gli occhi al Cielo, confida di più nel potere di Dio, nella grazia di Dio! Quest’anno che inizia, figli, è un anno in cui il mondo ha bisogno di essere molto preparato. Tutto per amore, niente senza amore. L’amore è la cosa più nobile del mondo! Ci porta a comprendere l’importanza di essere figli del Signore.
Dio ti ha creato perché ti ama, ti ha fatto perché ti ama, ti ha salvato perché ti ama.

Ti sei mai fermato a meditare su quanto Dio ti ama? Su quanto Dio ti vuole bene, su quanto Dio ti protegge, sul fatto che Dio ti difende da queste innumerevoli insidie ​​del nemico?

Per questo vi dico che quest’anno di tribolazione sarà un anno di molta tristezza, di molto dolore, perché l’uomo stesso si sentirà turbato dalle conseguenze delle sofferenze che sorgeranno e, soprattutto, dall’enorme attaccamento alle cose materiali, che diventeranno senza alcun valore, perché l’uomo vedrà che la base fondamentale è la fede, la pace e l’amore. Allora guarisci il tuo cuore. Gesù è l’unica medicina che può guarirti, liberarti, guidarti e proteggerti.

Sono con voi, amati figli! E ho un desiderio enorme di condurvi alla vita piena in Dio! Per questo, ascoltate gli appelli del Cielo e cercate di vivere una vita di maggiore spiritualità, di maggiore conversione, di maggiore affidamento, di maggiore preparazione. Abbiate più fiducia nella provvidenza del Cielo, che si prende sempre cura di voi e vi porta ad essere strumenti di pace, anche di fronte a tanta violenza e dolore sulla Terra. Porta la pace e non lasciarti mai confondere o prendere dalla disperazione. Il Signore è con te e sarà sempre la tua forza e la tua vittoria.

Con grande sapienza e amore nel mio Cuore di Madre, desidero benedirvi.

in questo momento la Madonna benedice tutti …

Cari figli!
Vi ho benedetti con tutto il mio amore di Madre! Sono stata immensamente felice per questo momento di fede, per questo momento di preghiera, di affidamento, per la presenza di ciascuno dei figli e delle figlie qui presenti.

Il mio più grande desiderio è che la vostra presenza non sia solo con il corpo, ma con il cuore.
Come ha detto Gesù: “A che serve avere un corpo senza piaghe se il cuore è completamente piagato dal dolore?”. Soprattutto da questo dolore che oggi distrugge maggiormente l’uomo: l’ra, l’orgoglio, l’egoismo, l’invidia, la superbia, l’avidità. Devi sapere come guarire e Gesù può guarirti, liberarti, condurti. Allora ascolta di più il Cielo, comprendi che di fronte a questa tribolazione dovete essere forti, devoti, prudenti e sapienti, perché da qui in avanti chi non si converte per amore, si convertirà per il dolore. Qualunque cosa seminerai, la raccoglierai, per questo semina cose buone, figlio.

Nel momento in cui la sofferenza entra a far parte della tua vita, ricorda che a volte è la tua crescita, la tua fortezza. Ma non vacillare mai, come ha detto Gesù, “Sii preparato”.

L’uomo forte non teme. Abbi fiducia e Dio sarà provvidenza per te!

Restate in pace! Abbiate una notte di grazia! Rimanete alla presenza del Padre, del Figlio e del Divino Spirito Santo. A chi mi ha offerto questi bellissimi fiori, dono il mio Cuore di Madre. Ora vado, il Signore mi chiama. Ecco la Serva del Signore!