Categorie
2002

02.03.2002

Cari e amati figli!
In questo momento così speciale, in questa notte così bella, vorrei ricordarvi che la bellezza è in quello che viviamo, e in questo momento abbiamo la felicità di vivere alla presenza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Siamo qui con i nostri cuori interamente abbandonati a Gesù, per poter testimoniare la più grande ricchezza del mondo: la grazia di Dio.

Non c’è niente di più grande al mondo che iniziare la giornata e sapere che essa è un dono di Dio, e terminarla guardando nell’intimo del tuo cuore e sapere che Dio è con te.

Se oggi nel mondo i figli di Dio sapessero riconoscere il proprio valore, non ci sarebbero così tanta miseria e povertà sulla Terra. La miseria e la povertà sono conseguenze della grande mancanza di rispetto dell’umanità. L’umanità oggi non sa più servire Dio come dovrebbe. L’umanità oggi non affida più la propria vita totalmente a Dio.

Quello che vorrei ricordarvi è che tutti voi state vivendo i tempi più difficili. Perché il tempo in cui vivete, figli, è il tempo di una grande lotta: la lotta del bene contro il male.
Per questo i bambini pregano, chiedono, presentano qui i loro cuori semplici e puri, pregando con immenso amore, chiedendo a Dio pietà, ricorrendo alla misericordia di Dio. Perché d’ora in avanti vedrete con i vostri occhi che, senza Dio, nessuno potrà essere felice.

L’umanità sentirà da vicino la ricchezza della potenza di Dio nella sua vita. Ecco perché vi chiedo di essere ancora più di Dio, ancora più autentici, ancora più dediti, ancora più perseveranti.

Io chiedo molto a Gesù di aiutarvi a camminare. Voi avete un dono così prezioso: essere cristiani che sanno andare incontro alle cose del Cielo, che sanno vivere, che sanno che è tempo di grazia e benedizioni.

Ma il veleno malizioso del male è ovunque. Oggi, senza preghiera, nessuno può evitarlo, ma con la preghiera possiamo tutto. Sì, possiamo, figli. Possiamo! E abbiamo bisogno di fare un po’ di più per essere grandi consolatori di Cristo Gesù.

Non smetterò mai di insegnarvi quanto siete speciali per me, perché nel mio Cuore c’è la grazia dell’amore di Dio in me, che si riflette in ciascuno di voi, i figli di Dio. Quindi combattiamo, figli miei!

State vivendo il tempo della Quaresima, una lotta molto grande, una vera ricerca di conoscenza, di consapevolezza, di veridicità del potere di Dio nella vostra vita, di essere veri costruttori delle benedizioni divine, di guardare in profondità dentro di voi e vedere che oggi dovete saper rinunciare alla malizia del peccato, al piacere degli occhi, della carne, e cercare veramente il significato che ci porta alla grandezza maggiore del mondo, alla perfezione più grande della vita.

Nessuno segue la via sublime, che è Cristo Gesù, senza provare il peso della sua croce. Ma tutti quelli che portano la propria croce sperimentano anche il valore della misericordia di Dio.

Per questo oggi, durante questa notte di veglia, fate un atto di ringraziamento a Dio. So che avete bisogno di chiedere molto, ma avete anche molto da ringraziare: ringraziare per la misericordia di Dio, ringraziare per la bontà di Dio, per la pietà del Padre, per la compassione del Padre. E nel silenzio del vostro cuore, chiedete la trasformazione del mondo. Perché la tribolazione, figli, causerà grande dolore nel mondo.

Oggi le persone non hanno più quella luce nel cuore, quella forza, quel desiderio di vincere, di lottare, di credere. Dio può tutto, Dio fa tutto. Dio è tutto!

Oggi abbiamo bisogno di testimoniare la presenza dello Spirito Santo di Dio in noi, la presenza ricchissima di Dio in noi. E vogliamo lottare, vogliamo credere, vogliamo cercare di avere buona volontà, fare un atto di abbandono totale, vero.

Dio ha bisogno di te, specialmente di te bambino, di te giovane, di te padre, di te madre, di te che dedichi la tua vita a Lui. Stai guadagnando la più grande ricchezza del mondo, perché ti stai preparando per il grande momento che l’umanità vivrà, la grande sofferenza. Ma anche la grande grazia della trasformazione, il Trionfo del Mio Cuore, della pace che regnerà, della giustizia e della pace che si abbracceranno e dei cuori degli uomini che traboccheranno di gioia.

Vogliamo lottare, vogliamo credere, Gesù è la vittoria! E noi crediamo in Cristo, perché Egli è l’oggi, Egli è il sempre. Per questo vogliamo cercare in Lui la forza, cercare in Lui la speranza, cercare in Lui la vita piena.

Abbi più fiducia in Dio, credi di più nella potenza di Dio, loda il Signore, glorifica il Signore! Ma fai nella tua vita, d’ora in poi, la volontà di Dio, perché il tempo sta praticamente arrivando alla fine, si sta esaurendo, sta terminando. Allora fai nella tua vita, da qui in avanti, unicamente la volontà di Dio e sarai felice.

Con grande gioia voglio darvi la mia benedizione.

In questo momento la Madonna benedice tutti…

Cari figli, vi ho dato la mia benedizione!
Sono stata molto felice per questo momento in cui vi riunite alla presenza del Padre, nell’amore del Figlio e nella luce dello Spirito Santo.

Non smetterò mai di mostrarvi quanto la Santissima Trinità sia potere, sia grandezza, sia ricchezza, e che è attraverso un messaggio come questo – che il nostro cuore ha appena ricevuto e abbracciato – che comprendiamo il valore della vita. Anche in questo mondo che ha completamente perso il rispetto, la nozione di amore, di perdono, di carità. Ma apprendiamo che c’è una bellezza che esiste per essere vissuta da ognuno di noi, una grandezza superiore a molte cose preziose e che quello che vale è davvero la presenza della pace, la presenza di Dio in ciascuno di noi.

Mentre consoliamo Gesù con questa notte di veglia, chiediamogli la grazia di un mondo migliore, di un mondo felice, in cui l’uomo possa conoscere la giustizia divina e la pace divina.

Rimanete qui alla presenza della Pace che è Dio.
A tutti quelli che mi hanno regalato questi bellissimi fiori, dono il mio Cuore di Madre.
Ora vado, il Signore mi chiama. Ecco la Serva del Signore!