Categorie
2004

12.02.2004

Cari e amati figli!
Oggi, con grande umiltà e amore nel mio Cuore, accolgo tutti voi qui riuniti, in questo momento di fede. Ringrazio molto Gesù perché porta a tutti i figli qui presenti la grazia dell’umiltà, della sapienza e, soprattutto, chiedo al Divino Spirito Santo la grazia di cui avete più bisogno, che è l’apertura del vostro cuore.

Tutti voi che siete qui avete molto bisogno di chiedere a Gesù questa grazia: aprire le porte dei vostri cuori per ascoltare il Cielo. Non c’è niente di più importante al mondo che l’apertura del cuore a Dio. Quando il nostro cuore è aperto a Dio, siamo nelle condizioni di vedere il mondo con altri occhi, siamo in grado di essere più giusti, più sinceri, più umili e più veri. Quando il nostro cuore è aperto a Dio, siamo in grado di fare la volontà di Dio nella nostra vita.

Oggi, come Madre, mi preoccupo per i figli che hanno sete di cercare una vocazione, ma non hanno sete di pregare per la vera vocazione. Oggi l’uomo gioca molto con le cose del Cielo, ma non siamo in un tempo di gioco, siamo in un tempo in cui dobbiamo pregare ed essere più calmi e umili, perché l’ora di Dio è diversa dalla tua ora, il tempo di Dio è diverso dal tuo tempo.

Vediamo così tante difficoltà, specialmente nella spiritualità dei giovani. I giovani non vivono il tempo della grazia di Dio, vogliono vivere il loro tempo. E oggi ai giovani viene offerto qualcosa di molto distruttivo: molta malvagità, molta malizia, molte cose tristi, molte cose che non sono veramente necessarie per la felicità dei giovani.

Oggi vediamo che anche i bambini sono già completamente contaminati da questo mondo pieno di aggressioni. La situazione nel mondo tende a complicarsi sempre più. Io chiedo sempre a Dio per voi, chiedo per il Brasile. Questi sono tempi in cui dobbiamo rivolgerci a Gesù e pregare. Perché se oggi pensi che sia difficile, verrà un giorno in cui vedrai ancora più difficoltà. L’uomo non ha cercato la soluzione giusta, sta facendo solo errori. Giorno dopo giorno.

Figli miei, ho sentito una tristezza molto grande nell’umanità, nei miei figli. I cuori dei miei figli sono molto tristi. C’è molta sofferenza nella vita dei miei figli, sofferenza spirituale, conseguenze di difficoltà materiali, malattie, infermità, mancanza di pazienza. Devi riflettere bene sulle difficoltà, sulle sofferenze, devi guardare un po’ di più tuo fratello, specialmente tu che vivi in ​​Comunità. Per vivere bene, devi sempre guardare tuo fratello. Forse il fratello non ha quella pazienza che hai tu, forse il fratello non ha quell’umiltà che hai tu, per qualche ragione; oppure gli manca un amico, oppure gli manca una parola, oppure gli manca qualcuno che sappia ascoltarlo e capirlo. Oggi nessuno vuole capire l’altro, nessuno vuole dialogare con l’altro. Le persone vogliono essere padrone di tutto e finiscono per perdere tutto.

Guardate il tempo prezioso che state vivendo, le grazie preziose che state ricevendo. Quest’anno è un anno di purificazione, figli miei! Purificazione è una parola molto forte, ma quando la vivi è ancora più forte! Purificare! Oggi vediamo il mondo sporco, le persone contaminate, che passano per questa purificazione, perché? Perché l’umanità deve purificarsi da tutto quello che è sporco, che è il peccato!

In verità, non dovete aver paura di passare per questa purificazione, dovete avere gioia. Sarà difficile! I tempi saranno confusi, le difficoltà aumenteranno, ma sarà la cosa più importante per la vostra vita spirituale. Perché oggi il mondo vive nel fango, in uno scandalo enorme.

Oh, figli, nel mondo c’è preghiera, per questo la sofferenza non è così grande come dovrebbe essere, perché c’è preghiera nel mondo. Ci sono gruppi di preghiera perseveranti, ci sono persone che dedicano la propria vita a pregare, a consacrarsi ad un apostolato, a fare in modo che la Misericordia di Dio sia conosciuta, amata. Nel mondo c’è preghiera, perché se non ci fosse, la vostra situazione sarebbe molto più delicata. Perché il demonio sta davvero regnando sulla Terra, distruggendo i cuori, le anime, distruggendo le famiglie, lasciando le persone realmente soffocate e tristi. È una tristezza enorme quella che sta vivendo il mondo.

Qui stiamo ascoltando messaggi molto forti, molto chiari, molto nitidi e stiamo attenti. In che modo dobbiamo stare attenti? Facendo attenzione, essendo creature perseveranti, molto ubbidienti alla Santa Chiesa, amando il Santo Padre e stando con lui, perché chi sta con lui sta con Gesù! Quindi questa è la nostra determinazione: essere caritatevoli, essere solidali, praticare il bene, fare del bene alle persone. Non preoccuparti per le cose che oggi pensi siano tutto per te. C’è qualcosa che deve essere più importante di tutto questo: la tua fede, la tua fiducia, la tua preghiera, perché a volte sei qui ad ascoltare la Parola di Dio e non la vivi. La custodisci, la mediti, ne parli con le persone, ma quello che Dio ti sta chiedendo non lo stai vivendo tu stesso. Gesù Cristo chiede: “Non vivere di apparenza, vivi in modo consapevole!”. Allora devi ascoltare, la situazione è difficile. Dove c’è un’anima, c’è una situazione difficile, perché è il tempo in cui il demonio vuole distruggere tutto, figli!

Non serve a niente guardare la tua nazione oggi e pensare semplicemente che il Brasile oggi è una nazione che soffre molto: la sofferenza oggi è totale, perché oggi la sofferenza è spirituale, è nell’anima. Le persone hanno tanto materialmente, ma sono povere spiritualmente. Perché il mondo ha tanto materialmente? Perché il mondo ha ricchezze bellissime, manca solo la condivisione. Le persone accumulano perché hanno troppo e dimenticano che molti non hanno nulla.

Quante creature questa sera non hanno nulla da mangiare, mentre altre hanno tanto e non hanno fame, perché sono malate. Allora il mondo non ha uguaglianza, figli! Quello che fa più male al mio Cuore è vedere questa mancanza di uguaglianza.

Esistono bambini nel mondo che vengono maltrattati peggio degli animali. Questo è triste, perché un bambino ha un’anima, è un figlio di Dio. Dov’è la sapienza degli uomini che oggi accumulano piacere, potere, ricchezze e dimenticano che la più grande ricchezza è guadagnare la Vita Eterna, è aiutare qualcuno, è poter fare qualcosa per qualcuno?

La cosa più bella della tua vita è quando ti affidi totalmente, quando non sei una creatura malamente attaccata alle cose banali, perché esse sono passeggere. Oggi sei qui, domani potresti non essere più qui. E quello che ti condurrà alla Casa del Padre sono le tue opere. Mentre quello che ti allontanerà è quello che hai fatto di contrario alle opere che Dio ti ha chiesto.

Allora dobbiamo stare molto attenti, tenere i nostri cuori aperti, lasciare che la Luce di Dio dimori nella nostra anima, essere persone umili, semplici, avere dignità per lasciare che il Cielo ci parli chiaramente. Perché oggi viviamo il tempo della grazia di Dio. Anche davanti a momenti così difficili, di difficoltà in ogni parte del mondo, non possiamo negare che stiamo vivendo il tempo della Misericordia di Dio per noi.

Ecco perché oggi voglio benedire tutti voi e tutti quelli che compiono gli anni. Che Gesù vi ​​conceda molta pace e amore!

E voglio ringraziare con gioia i figli che oggi sono venuti per ricevere le benedizioni di Dio. Non sapete la gioia che date al Cuore di Gesù quando fate questo viaggio fino a questa Valle di Preghiera. Perché Gesù ha detto: “Sii un pellegrino eterno, cammina sui miei passi”. E oggi chi viene qui viene per Dio, figli! È stato toccato da Lui, mosso da Lui e segue le orme della sua meravigliosa Misericordia.

Voglio benedire tutti voi con grande affetto!

in questo momento la Madonna benedice i presenti

Cari e amati figli!
Vi ho benedetti con grande umiltà e amore, chiedendo a Gesù di illuminarvi molto, perché incontrerete barriere molto grandi da qui in avanti, forse più grandi di quanto possiate immaginare e pensare. È una tribolazione molto forte quella che il mondo sta vivendo oggi, e questa purificazione è proprio perché l’uomo si purifichi da questa sporcizia così grande che è il peccato. Allora abbiamo davvero bisogno di chiedere a Dio molta protezione e di essere perseveranti, figli. Perché la perseveranza è il segno del cristiano! Gesù ci ha dato un cuore molto perseverante e costruttore.

Ho benedetto con grande gioia tutti quelli che compiono gli anni, anche quelli che non sono qui presenti. E ho benedetto anche i figli che sono venuti.

Vi auguro una notte di molta pace, alla presenza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo!

A chi mi ha offerto questi bellissimi fiori, dono il mio Cuore!

Abbiate la pace di Dio nei vostri cuori e la Luce del Divino Spirito Santo nella vostra anima!

Ora vado, il Signore mi chiama. Ecco la Serva di Dio!