Categorie
2012

02.10.2012

Festa degli Angeli Custodi

Cari figli!
È una grande benedizione di Dio per noi e su di noi, questo momento di riflessione sulla presenza dello Spirito Santo e la sua meravigliosa unzione. Siete qui riuniti insieme ai figli pellegrini, pellegrini che Dio ha chiamato a stare qui in questo giorno, in quest’ora, che Dio ha preparato per tutti i cuori; perché nulla in questo mondo accade senza la volontà di Dio. E la volontà di Dio per noi è questa: che stiamo in questa umile cappella, in questa semplice Valle, in questa Valle d’amore, Santuario di luce, ricolmi della presenza di Dio sopra di noi, della presenza del Cielo in noi. Allora vogliamo vivere questa grazia che Dio concede a tutti i nostri cuori. E chiediamo a Dio di darci un giorno di pace.

Voi siete qui felici, grati agli angeli per la bellissima riflessione del giorno degli Angeli Custodi, che non è solo oggi, perché la presenza degli angeli dev’essere ricordata nella nostra vita tutti i giorni. Per la grande lezione che riceviamo dal Cielo – che ci mostra la presenza degli angeli nella Chiesa, che è protetta dallo Spirito Santo e dagli Arcangeli – dobbiamo avere una preparazione in cui il nostro cuore sia già consapevole della grazia che riceviamo.

Parlare di angeli ai vostri cuori, che da venticinque anni ascoltano il Cielo, è parlare di qualcosa di cui siete già pienamente consapevoli. E siete consapevoli che, senza la presenza degli Arcangeli, non vincete la battaglia. Ognuno ha bisogno di protezione, ognuno ha la sua protezione e questa unità con gli angeli è necessaria affinché la nostra vita sia protetta da tutti gli attacchi del nemico, specialmente quelli che sono più frequenti: delle parole, dei gesti, del guardare, dell’ascoltare, in quello che fai e in quello che diffondi – che può essere una cosa bellissima oppure, se non sei zelante, se tu non hai gli Arcangeli che ti guidano, può essere un veleno. E quanto veleno è presente nelle famiglie che causano guerre familiari, causate dal veleno che è il peccato!

Quindi abbiamo bisogno della protezione del Cielo, per noi, per la nostra Comunità, per il Brasile, per il mondo. Abbiamo bisogno della pienezza e della dolcezza del Divino Spirito Santo. Dobbiamo valorizzare molto il silenzio, perché il silenzio è un atto di prudenza. Cos’è il silenzio? Non è restare muto, ma essere prudente, vigilare e pregare. Il silenzio si riassume in queste due parole. Vigilare, stare attenti; perché il nemico ti tenta ad ogni secondo, in ogni momento, e sempre domina la tua parola. Quante volte, a causa di una parola che non è venuta dal cuore – perché la malizia non viene dal cuore, solo la bontà viene dal cuore – ma dall’ego, dall’orgoglio, diffondi il veleno che oggi sta distruggendo l’umanità, il veleno che sta causando la distruzione, che sta causando la disunione?

Nessuno in questa vita è capace di avete completamente chiarezza sulla vita dell’altro. Solo su se stesso. Ognuno è in grado di conoscere se stesso. Chi sono io? Puoi rispondere alla domanda: “Chi sono io”? Puoi. Poiché Dio ti ha dato la sapienza, ti ha dato il battesimo, ma nessuno può rispondere per te. Allora perché l’uomo vive ricolmo del veleno dell’invidia, della gelosia e della menzogna? Perché guardare l’altro e dire: “lui è così”? In verità, se il cuore delle persone non conosce mai Dio, Dio stesso ci ha fatto conoscere noi stessi, il nostro cuore, perché è il luogo in cui viviamo l’intimità di Dio in noi.

Allora se sei una persona di preghiera starai attento alle tue azioni. Starai attento, sarai un uomo che veglia e prega, perché oggi il rumore è troppo. Il rumore traditore, il rumore della distruzione, il rumore delle parole, il rumore della persecuzione, il rumore della malvagità è troppo, figli. In tutto, vedi un uomo che vuole distinguersi di fronte alla difficoltà dell’altro. E la vita non è così. La vita è diversa. Finché non cerchi di vedere quello che Dio vuole da te, non sarai felice. E ognuno sa cosa vuole Dio da se stesso. Dio vuole vederti nel fango del peccato? No. Per questo Egli ha lasciato i comandamenti, ha mostrato la luce: “questi sono i miei comandamenti, se li segui vivrai lontano dal peccato, vivrai lontano dalle trappole del demonio”.

L’umanità dev’essere consapevole. Devi avere consapevolezza dei tuoi atti, consapevolezza delle tue azioni, perché raccoglierai quello semini, quello che sei oggi. Sei autentico? Avrai autenticità. Stai mentendo? La menzogna sarà anche nella tua vita, la sofferenza sarà nella tua famiglia, la difficoltà entrerà nella tua casa, la povertà invaderà il tuo interno, perché la povertà non è solo povertà della materia, è povertà di spirito. L’umanità, quando è povera di spirito, non ha parole docili, ha solo parole amare, di depressione, tristezza e difficoltà; non vede la luce. Immagina se tu uscissi in quest’ora del giorno e non vedessi la luce. Vedi solo oscurità, solo risentimento, solo distruzione.

La presenza di Dio nella nostra vita, la presenza degli angeli del Cielo nella nostra vita è la fonte della nostra grazia, il fondamento del nostro cammino. Tutto per Dio, tutto per gli angeli di Dio. Tutta la nostra protezione è nel Signore. Diciamo così spesso questa bella preghiera: “La nostra protezione è nel Signore”. Ma tu credi in questa protezione che viene dal Signore? Credi che San Michele, San Gabriele, San Raffaele, l’Angelo Custode e tutti gli angeli, che sono molti, sono sul tuo cammino e ti proteggono? Ma è vero. Puoi stare certo che ad ogni secondo della tua vita l’Angelo del Cielo ti protegge, un Arcangelo ti custodisce. Perché è molto il dolore, molta la sofferenza e molta la persecuzione che attraversi in questo cammino qui sulla Terra. Se tu non avessi un Arcangelo che ti protegge, non vinceresti.

Che bello vedervi fare questo omaggio! Sona stato molto felice, perché non vi siete dimenticati degli angeli. E la Madre della Pietà vive in ogni momento questo insegnamento per voi. Il giorno del compleanno non lo dimentichi, perché fa parte di te, ti ricordi che sei nato in quel giorno. Per questo, devi ricordarti anche del battesimo, perché è il momento in cui sei nato veramente a Dio, alla Luce maggiore. Quindi la presenza degli angeli è fondamentale. E sono stata felice di sapere che vi siete ricordati della presenza degli angeli nella vostra vita e oggi state facendo questo omaggio, perché non è mai tardi per onorare colui che ti custodisce ogni giorno. Ecco perché questo omaggio dev’essere fatto ogni giorno. Ringrazia sempre Dio per i Santi Angeli, per l’Angelo Custode, per essere qui oggi, per la presenza dello Spirito Santo che è Dio nella tua vita, per la fede che ti spinge a questo Santuario di amore e di luce.

Mossi dalla protezione degli Arcangeli, dalla protezione del Cielo, voglio benedire questa bellissima famiglia e i cuori di questi pellegrini così umili, chiedendo a Gesù di dare loro la grazia che sono venuti a cercare, che sia per l’anima o per il corpo, che sia la guarigione dell’anima o la guarigione del corpo, che sia una benedizione per la famiglia o una benedizione per i figli, ognuno porterà con sé da qui la grazia e il Cielo vi concederà la fedeltà affinché siate meritevoli di questa grazia che il Cielo sempre riversa su di voi.
Con grande affetto, voglio benedire tutti i figli.

in questo momento la Madonna benedice i presenti

Cari figli!
Ho benedetto con affetto tutti i figli, ho benedetto con affetto tutte le famiglie, ho benedetto con affetto tutti i cuori dei figli che sono venuti per ringraziare Dio. Com’è bello il Cielo, come è bello il piano di Dio, perché ci fa vedere l’impossibile, abbracciare l’impossibile e scorgere quello che è al di là della nostra capacità umana, che è il mistero di Dio, che è molto più grande di quanto possiamo immaginare. Se pensiamo di essere sapienti, il mistero di Dio è molto più grande, la sapienza di Dio è molto più grande. Con questa pace che Egli porta ai nostri cuori, possiamo sentire la presenza degli angeli qui in mezzo a noi. Mentre stavate facendo quella preghiera, ho sentito la presenza degli angeli nella vostra vita, figli, benedicendo, custodendo e illuminando il vostro cammino verso Gesù.

Questa benedizione di oggi è stata anche per mia figlia (…), che Gesù le dia consolazione, conforto, pace interiore. Quando perdi qualcuno che ami molto, devi ricordare che siamo tutti di Dio e che tutti devono essere preparati, perché la nostra missione qui sulla terra è passeggera e l’unica certezza che abbiamo è di camminare verso il Regno di Dio, verso l’incontro con il Cielo.

Rimanete tutti nella pace, con la protezione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A chi mi ha offerto questi bellissimi fiori, dono il mio Cuore di Madre.

Il Cielo mi chiama. Ecco la Serva del Signore!