Categorie
2011

31.12.2011

Miei cari figli!
La Presenza Celeste del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, benedice la presenza di tutti noi che, con cuore aperto e riconoscente, glorifichiamo Dio per questo anno del silenzio. Vi chiedo, in questo momento, di guardare nell’intimo del vostro cuore e di sentire Gesù. In particolare, sentite la Misericordia che si riversa sulla vostra famiglia, sul mondo, sul Brasile, sulla Chiesa e chiedete a Gesù di rendervi sempre figli fedeli, grati e felici. Chiedi la sapienza per lodare il Signore per tutte le ricche benedizioni che Dio ti ha concesso durante quest’anno del silenzio, per tutto quello che ha fatto nella tua vita, per tutto quello che ha costruito nella tua anima.

Io amo il silenzio, figli! Per questo mi sento onorata quando i miei figli mi chiamano “Madre del Silenzio”. Il mondo ha davvero bisogno di silenzio. C’è molto dolore sulla Terra, nella vita delle persone, perché non c’è silenzio nell’umanità.

Le persone sono sempre turbate da un mondo che porta tutti a peccare, principalmente con le parole. La cosa più importante è che Gesù ci ha concesso non solo il silenzio della lingua, ma anche quello del cuore. Quante volte il tuo pensiero è pieno di sofferenza, di giudizi. Questo silenzio del cuore ci porta a fare cose buone, soprattutto a evitare il peccato. So che i miei figli sono peccatori. Ma so anche che i miei figli sono santi. Gesù ha detto di essere santi come il Padre è Santo! Sento nel mio Cuore Immacolato che è il silenzio quello che può davvero portare la trasformazione nella vostra vita.

In questo pomeriggio, in questo giorno, stiamo ringraziando per l’anno del silenzio. So anche, come Madre, che questo silenzio fiorirà nella vostra vita con la nascita del nuovo anno. L’essere umano vuole sempre una nuova vita. Ma per avere una casa pulita, devi pulirla. Devi lavorare per pulirla. Così per avere un anno nuovo, devi essere un figlio di Dio santo, un figlio di Dio guarito e trasformato.

So che i miei figli pensano che sia impossibile. Perché le persone pensano che sia impossibile? Perché non vogliono cambiare vita. Per questo, preferiscono pensare che tutto sia impossibile. Ma questo è possibile! Devi solo capire che in tutto quello che hai sentito e vissuto in questo anno del silenzio, Gesù ti sta chiamando sulla via del bene e della conversione. La chiamata è urgente. È una chiamata di emergenza! La situazione è simile a quella di una persona con grandi difficoltà respiratorie. È talmente debole che chi le sta intorno vuole agire rapidamente per aiutarla e ridarle vita.

Questo è quello che Gesù desidera fare con il mondo, che è così debole nella fede, nella spiritualità. L’umanità non sperimenta più la forza dell’unità, la forza della preghiera, della religione! Le persone stanno perdendo l’amore per Gesù, ma Egli ama immensamente ognuno di noi. Ecco perché Egli dedica tutta la sua grandiosa Misericordia a noi, al mondo. Questo è quello che stiamo vivendo oggi qui: questa Misericordia! Abbiamo avuto una grande lezione di Misericordia, perché quest’anno che finisce è stato anche l’anno della Misericordia. Il silenzio è Gesù! E Gesù è la Misericordia. Sperimentiamo tutta la Misericordia, tutto l’Amore di questo Cuore Benedetto, Santo e Sacro.

Allora, figli, dite si a Dio! Trasformatevi! Iniziate oggi a trasformare la vostra vita. È così bello prendersi cura della propria casa e tenerla pulita. Abbi cura anche di te stesso! Abbi cura del tuo cuore! Mantieni il tuo cuore limpido. Mantieni il tuo cuore in pace. Mantieni il tuo cuore tranquillo. Pensa a Dio. Pensa all’amore di Dio!

Stiamo vivendo un pomeriggio sereno. E non potrebbe essere diverso, perché Gesù è serenità. Gesù è sereno. Questo amore sereno è Gesù! Egli è Colui che viene, nel silenzio, a prendersi cura di ognuno di voi. Oggi Egli si prende cura di te. Egli ti ha portato. Ti porta e ti guida. È Lui che ti conduce, ti chiama e ti ama. Vivi questo bellissimo incontro con Gesù. Abbraccia e comunica questa Presenza trasformatrice che è Gesù.

L’umanità deve agire per costruire la pace, per costruire una vita nuova. Siate pienamente consapevoli del movimento che dobbiamo imprimere alla nostra vita, per la nostra trasformazione. Gesù ha detto, quando vi stavate preprando per il Natale, che la cosa più bella è la preparazione, è la sincera ricerca della preparazione. È inutile avere un tesoro tra le mani se non lo valorizzi. Ora dico lo stesso a voi, figli! La bellezza dell’attesa di un Anno Nuovo è proprio la preparazione. Preparati a vivere la volontà di Dio, a vivere quello che Dio vuole designare per la vita dei suoi figli. Questa preparazione è da fare oggi. Non aspettare che le cose accadano. Devi prepararti adesso. Ecco perché il Cielo ci ha fatto vivere questa continua veglia di silenzio. Ecco perché il Cielo ci ha chiesto di vivere costantemente nella preghiera del silenzio. È così che ci ha portato la Luce che non si spegnerà mai nella nostra vita, che è l’Amore di Dio.

Serenità, semplicità e umiltà! Queste tre grazie operano la trasformazione nella vita di una persona. Se ascolti bene il ​​tuo cuore, allora sarai umile, semplice e sereno. E avrai la serenità. La serenità è quella che ti rende un cristiano di fatto. Ti rende un cristiano vero. Non servono le parole, abbiamo bisogno di azione. Cristo è in noi! Cristo è la Luce della nostra vita! Cristo è una Parola che si è fatta carne! E ha dato vita a tutti. Egli è in noi. Dobbiamo quindi porre Gesù nella nostra vita come la grazia fondamentale. Egli deve essere per noi la prima grazia. È Lui che ci porta la presenza del Padre e dello Spirito Santo. Quando la tua vita sarà alla presenza della Santissima Trinità, sarà illuminata e guidata dal Cielo, dagli Angeli! Sarà fortificata dai santi e sostenuta dalle radici dell’Amore!

Ognuno, nel silenzio del suo cuore, ringrazi Gesù per questo anno del silenzio. Chiedi a Gesù la grazia di fare silenzio, da qui in avanti, per davvero! Fai un vero silenzio, dell’anima, del corpo, degli atti, delle azioni, degli occhi, delle orecchie, delle parole e vivi una vita di maggiore comunione con il Cielo!

Con gioia, vi benedirò.

in questo momento la Madonna benedice i presenti

Cari figli!
Ho benedetto con affetto tutti voi. Sono stata felice per la vostra unione, per l’unità che abbiamo sperimentato in questo pomeriggio.

Viviamo la vera essenza del silenzio, quel silenzio che è in noi, che è Gesù stesso in noi. Il silenzio restaura ed edifica la vita di ciascuno.

Faccio gli auguri a mio figlio Osvaldino per il suo compleanno, che egli lodi il Signore per la vita.

Ho benedetto mia figlia Simone. Nel cuore di chi crede, Dio compie l’opera e concede la grazia. Per questo, chiedi! Gesù ha detto cosa desideri? Egli taceva. Poi ha detto: chiedi! Non avere paura di chiedere a Dio quello che desideri. Dio te lo darà! Se nella tua vita avverrà qualcosa di ancora più grande di quello che hai chiesto, più grande di quello che speri, è perché Dio ti ama. Nella vita siamo amati da Dio. Dio ama il cuore dei figli! Allora, figli, così come Dio dice a questa figlia: “chiedi, che il Cielo ascolta”, così anch’io dico a tutti voi: chiedete, perché il Cielo vi ascolta.

Chiedete il silenzio. Chiedete la grazia del vero silenzio. E il Cielo vi darà questa grazia, figli! Non è impossibile. Il Cielo può tutto!

Sono certa che il Sacro Cuore di Gesù accoglie questa richiesta che fate, questo ringraziamento che fate.

Ed è con grande gioia che Gesù dice: vi amo! E anche Io dico: vi amo!

Rimanete tutti nella pace, sotto la protezione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

I fiori del mio giardino siete voi, per questo vi dono il mio Cuore.

Il Cielo mi chiama e ci ama! Ecco la Serva di Dio!