Categorie
2003

17.12.2003

Cari e amati figli!
Con grande sapienza e umiltà nel mio Cuore, sono felice di poter stare con voi oggi, in questo momento così speciale, e di potervi benedire in modo molto speciale, chiedendo a Dio di proteggervi, di darvi forza, sapienza, discernimento, pace e coraggio.

Tutta questa Comunità si sta preparando per un ringraziamento molto profondo e sincero a Dio per gli anni di cammino fraterno, un cammino in cui quello che vi rende una famiglia è l’amore di Dio, presente nel cuore del bambino, nel cuore del giovane, nel cuore del padre, della madre, nel cuore di tutti i missionari e missionarie che qui si mettono al servizio di quest’opera così bella, che è essere veramente una famiglia.

Oggi abbiamo molto da chiedere a Dio e abbiamo molto bisogno di mettere la nostra vita nelle mani di Dio, specialmente tu che hai ancora bisogno di valorizzare un po’ di più questa missione, questa famiglia che Dio ti ha donato, perché Egli stesso è il Dono della tua anima, e si rende presenza viva in te, dandoti sapienza, conoscenza, discernimento, rendendoti forte e capace, capace di molte cose, di costruire con l’obiettivo di essere santo, di lottare con l’obiettivo di guadagnare il Cielo.

Sono così tante le grazie e le benedizioni, così tante le cose belle che Dio ci ha concesso in questi molti anni di missione – missione che è veramente una benedizione di Dio – che se vi fermate a riflettere, arriverete a una meditazione molto bella: tutti voi che siete qui, siete stati condotti in questa Comunità da Dio.
Tutti avete ricevuto la vostra chiamata. Se ognuno oggi dovesse dare la sua testimonianza con le parole, con le azioni, avreste molto da raccogliere e vi rendereste conto che molto è stato raccolto ed è stato seminato nel vostro cuore attraverso questa missione bellissima, questa missione benedetta che Dio vi ha permesso di vivere qui, in questa Valle di grazia e di benedizioni.
Se pensi a come Dio ti ha chiamato a quest’opera, a vivere in questa Comunità Fraterna, ad essere qui uno strumento, ti sentirai la persona più felice, perché saprai che non è stato un caso, ma è stata una grazia, una provvidenza, una chiamata, un invito speciale di Dio!

È molto bello, figli miei, quando riceviamo questo invito dal Cielo, questa chiamata dal Cielo. È stato molto bello, è bello! Dobbiamo davvero metterci nelle mani del Signore, lavorare per le cose di Dio, non possiamo tardare più, dobbiamo convertirci con urgenza, in questo momento. È un momento importantissimo perché l’uomo si converta, è un momento importantissimo perché l’uomo faccia un passo nella costruzione di una nuova vita. È importantissimo che le persone diventino consapevoli, si preparino, mettano pienamente in pratica nella loro vita quello che Dio vuole. È importantissima la nostra presenza qui, molto più che con i piedi e con le mani – questo non significa niente! Quello che Dio vuole è la nostra presenza con l’anima, la nostra presenza con il cuore, il nostro abbandono totale! Quello che Dio vuole è che tu sia una persona onesta. Se sei onesto, tutto nella tua vita sarà giusto.

Oggi, la causa principale della caduta dell’uomo è la disonestà. L’uomo vuole sempre trarre profitto, guadagno. L’uomo non vuole mai avere un’onestà chiara, trasparente. L’uomo vuole avere obiettivi contrari a quelli che Dio vuole per noi. Perché Dio vuole la tua trasformazione, Dio vuole la tua purificazione, Dio vuole la tua santità. E oggi le persone vogliono la tranquillità, le persone vogliono il piacere, le persone vogliono soddisfare la carne.
Poche sono le anime che pensano, i cuori che agiscono.
Oggi manca molta azione: pensare tenendo il pensiero in Dio, vivere con il cuore rivolto a Dio.

Se riflettiamo sull’importanza di questo pezzettino di terra, anche se non tutti sono ancora completamente convertiti, la vostra presenza è importante per Dio. Ecco perché è importante che cambiate vita.
Voi siete qui a rappresentare il mondo. Per questo qui c’è il mondo, figli! Qui vediamo tutto quello che c’è nel mondo: i problemi, le difficoltà, le insidie del demonio, la debolezza umana. Qui c’è un popolo di Dio, un popolo di Dio che oggi vive una forte tribolazione, una forte sofferenza, ma un popolo di Dio che è chiamato da Dio a una vita nuova, alla costruzione di una nuova Terra, alla trasformazione per essere un uomo nuovo. Per questo tu conosci l’importanza della tua presenza qui.
Il tuo “sì” deve essere ogni giorno più autentico, il tuo ritorno a Dio deve essere ogni giorno più intenso. Sei qui per servire il Cielo. Il tuo impegno è con Dio! Vedete, figli miei, tutti noi abbiamo un bellissimo impegno con Dio. Io sono qui come Serva del Signore e voi come servi del Signore. Io sono la mediatrice delle grazie e voi quelli che ricevono la grazia. Io la porto ai vostri cuori, e i vostri cuori la ricevono!

Allora ringrazia Dio e chiedigli che, nella preparazione di questo anniversario della Comunità, tu faccia un passo verso l’onestà, la sincerità, il vero ritorno a Dio. Questo è quello che desidero per voi, figli! Che possiate approfondire questi messaggi bellissimi che state ricevendo, sulla grande chiamata che il Cielo ci ha fatto a una vita di conversione, a una nuova vita; che inizia con la rinuncia. Oggi chi non sa rinunciare non sa cercare la santità, perché la santità è una ricerca di costante rinuncia: rinuncia al peccato, alle insidie del demonio.
Anche quando cadi, rialzati. Perché molte creature non si rialzano per paura, per timore, con la paura che Dio non le perdoni. Dio perdona! Dio è perdono! Se ti penti davvero, Dio è perdono. Non c’è caduta che sia più grande dell’amore di Dio. Quindi se cadi e cerchi l’amore di Dio, ti rialzi, ti rimetti in piedi. Allora alzati, rimettiti in piedi, valorizza di più la tua vita, la tua missione, il lavoro che oggi hai nella Comunità, nella Fraternità. Cresci, moltiplicati, rivolgiti a Dio!

È per questo, figli, che oggi voglio, con molto affetto, benedire tutti i figli qui presenti. Che Dio vi benedica, vi protegga e vi dia molta pace.

Oggi voglio anche benedire i miei figli che sono venuti da lontano. Vi benedico, perché Dio vi ha portati qui affinché poteste sentire con i vostri cuori che il piano di Dio è un piano bellissimo, che la grazia di Dio è virtù su virtù, benedizione su benedizione, e che a partire dalla piccolezza degli uomini impariamo a edificare l’anima, a trasformare il cuore. Ecco perché Gesù Cristo ha detto: “Siate sempre piccoli, perché agli occhi del Padre sarete grandi”.
Che Dio vi conceda molta forza, sapienza e pace.
Voglio consacrarvi al Cuore di Gesù Misericordioso, in quest’anno che giunge al termine, ma la Misericordia di Dio non finirà mai per chiunque crede in Lui.
Allora che siate consacrati al Cuore di Gesù Misericordioso!

Con grande amore, voglio benedirvi!

In questo momento la Madonna benedice tutti i presenti.

Cari e amati figli!
Vi ho benedetti con grande amore!
Oggi ho benedetto anche i figli che vogliono essere consacrati al mio Cuore. Che Dio conceda a questi figli anche la consacrazione al mio Cuore Immacolato!

Vi ho benedetti tutti, chiedendo a Dio di concedervi molta sapienza in modo che possiate veramente ringraziare Dio per questi anni di missione bellissima con il Cielo!

Che Dio – che è Padre, Figlio e Divino Spirito Santo – vi conceda molta grazia nei vostri cuori e sapienza, in modo che possiate valorizzare ogni giorno di più, con amore vero e sapiente, questa missione così nobile che Dio vi ha concesso di credere.

A chi mi ha offerto bellissimi fiori, dono il mio Cuore!

Ora vado, il Signore mi chiama. Ecco la Serva del Signore!