Categorie
2003

16.09.2003

Cari e amati figli!
Con grande sapienza e amore nel mio Cuore Immacolato di Madre, sono felice di poter stare con voi e di parlarvi della meravigliosa Misericordia di Gesù per ognuno di voi e di quanto oggi dobbiamo valorizzare la nostra missione, il nostro lavoro e la nostra lotta per un mondo migliore.

In questo momento vogliamo mettere la nostra Famiglia Fraterna nelle mani di Dio. Che Dio conceda le grazie necessarie affinché ciascuno qui possa vivere unito a Gesù, lontano dalla disuguaglianza, lontano dall’indifferenza, lontano dall’egoismo, lontano dal voler essere migliore o più grande dell’altro. Che tutti possano lottare per un unico obiettivo, per un unico ideale: la pace!

Abbiamo molto bisogno di pace. Il mondo oggi sta attraversando una difficoltà molto grande e io mi preoccupo, come Madre, per l’anima dei miei figli. Perché so che oggi il demonio fa di tutto per allontanarvi dalla via del Cielo.
E vedo, figli miei, che le persone sono sempre più vuote e perse. Vuote perché il mondo non riempie, perse perché il mondo di oggi non offre la via della vita e della giustizia, che è Dio.

Per questo dobbiamo pregare molto!

Vorrei che vi ricordaste, in questa settimana, di pregare per il Santo Padre. Pregate veramente, figli miei, perché egli è una grande colonna nella vita di tutti voi.

E oggi vediamo che stiamo vivendo i tempi finali: tribolazioni, sofferenze, difficoltà, disperazione, depressione, mancanza di armonia e di pace, mancanza di Dio. Questo è quello che sta accadendo al mondo adesso.

Ecco perché in questi anni di cammino in cui sono con voi, figli, avete imparato molte cose belle. Avete imparato meravigliose e grandiose ricchezze che devono essere valorizzate e amate, perché sarà nell’ora della fortissima tempesta che le vostre ginocchia si piegheranno e voi comprenderete perché il Cielo vi ha parlato così chiaramente. E da qui in avanti ci sarà grande sofferenza sulla Terra!

Ecco perché voglio che la Valle sia forte! Voglio che i cuori dei miei figli siano aperti! Voglio che qui ci sia piena unione. Se volete fare il dono più grande al mio Cuore, siate uniti.

Lottate per essere una famiglia vera, per essere partecipi di quest’opera viva. Che ognuno cerchi di impegnarsi come membro di questa comunità: nei momenti di preghiera, di lavoro, nei momenti di riflessione, nei momenti di meditazione della Parola. Che possiate essere gli uni per gli altri.

Se volete rallegrare il mio Cuore e dare gioia al Cuore di Gesù, figli, lottate per essere una famiglia santa, per vivere in una Comunità piena di amore, santità, rispetto e timore di Dio. Così mi consolerete, così mi darete conforto. Per fare questo è sufficiente che il tuo “sì” sia degno del vero contenuto di fede e di amore.

Dio ha molto bisogno che questa comunità sia un pilastro di forza per il mondo. E quello su cui devi meditare è che spesso non sei questo pilastro di forza. E il demonio arriva e si prende gioco di te, come si è preso gioco della famiglia, del giovane, del bambino, della madre e del padre.

Cerca, nel silenzio del tuo cuore, di ascoltare di più Dio, di meditare sulla Parola di Dio, di ringraziare per la tua vita, per essere qui, per vivere qui. Tu vivi qui per volontà di Dio. Sei qui per volontà di Dio. Tutto quello che accade qui è un mistero di Dio!
È un mistero così bello, figli miei, che anche se tutte le scienze umane si unissero non sarebbero in grado di capirlo.
Ma è sufficiente la Scienza Divina – la Scienza di Dio – per farci comprendere perché Dio ha aperto il Cielo e mi ha inviata qui in corpo e anima come messaggera della sua Parola, come Madre, Immacolata Concezione, Signora della Pietà.

Perché Dio ti ha portato qui dalla tua comunità? Perché Dio porta qui tanti figli, anche da altre nazioni? Perché il lavoro qui è un lavoro di essere famiglia, di vivere in famiglia, di cercare l’unione della famiglia? Tutto quello per cui Gesù Cristo ha lottato, e che lotta affinché tu lo viva qui, è l’amore!

Allora ringraziamo Dio per questa sera, prepariamo bene i nostri cuori. La festa in commemorazione della mia venuta qui, che è un bellissimo mistero di Dio – per il quale dobbiamo ringraziare la Santissima Trinità – quest’anno sarà molto diversa, perché sarà fatta con il nostro cuore. Nessuno deve preoccuparsi della quantità dei pellegrini, ma della qualità.
Perché quello che manca oggi, figli, è la verità nella vita di quelli che seguono Gesù. La fedeltà a Cristo Gesù! E da qui in avanti vedremo i fedeli e i perseveranti. Solo i fedeli veri e i perseveranti veri andranno avanti. Allora sii uno di questi!

Ti sei mai fermato a riflettere che oggi il demonio sta cercando di distruggerti in ogni modo e di allontanarti da questo luogo così grandioso?

Allora fai questa riflessione, cerca nel Cielo la fortezza della tua vita e valorizza questa benedizione del Cielo, che è benedizione di Dio. La mia venuta qui, figli, è unicamente benedizione di Dio!

Con grande gioia voglio darvi la mia benedizione di Madre!

In questo momento la Madonna benedice tutti i presenti.

Cari e amati figli!
Vi ho benedetti con tanto amore! Sono stata felice per la vostra unione, per questo momento di fede.

Qui possiamo vedere quanto Dio è buono con noi. Abbiamo appena ricevuto un messaggio che ci insegna a valorizzare le benedizioni del Cielo.

Sappiamo chiaramente, figli, che sono arrivati ​​i tempi difficili. Gesù parla in ogni angolo angolo della Terra delle difficoltà. In tutte le manifestazioni dei misteri di Dio, Gesù parla delle tribolazioni. Ora è tempo di stare con il nostro cuore in Dio, con la nostra vita nelle mani di Dio.

L’uomo di fede sarà perseverante, chi è fedele andrà avanti e l’umile di cuore vincerà! Questo è quello che Gesù Cristo ci dice ogni giorno.

Io desidero solo che voi ascoltiate il Cielo, figli, perché il Cielo ancora vi parla! Ma nel momento in cui il Cielo smetterà di avvertirvi, sarà il momento in cui Gesù Cristo ci mostrerà la Giustizia di Dio, la sua Giustizia!

Allora vogliamo essere consapevoli e preparati. Per questo non dimenticate, durante questa settimana, di pregare per il Santo Padre e di lottare per essere una famiglia santa, una Comunità fedele a Dio.

Restate in pace! Vi lascio il mio Cuore!

A chi mi ha offerto bellissimi fiori, dono il mio Cuore Immacolato di Madre!

Ora devo andare, il Signore mi chiama. Ecco la Serva di Dio!