Categorie
2008

01.02.2008

Cari e amati figli!
Oggi, nel silenzio di questo momento di benedizioni, di questo momento di grazie, vogliamo lodare il Cuore di Gesù per tutto quello che stiamo ricevendo dal Cielo, in particolare la Parola di Dio. Non c’è ricchezza più grande della Parola di Dio. Essa porta nel cuore di ogni uomo, di ogni figlio, la grazia della speranza, dell’edificazione e della costruzione della pace.

Ecco perché oggi, se ci manca la sapienza per ascoltare Dio, ci mancherà tutto. E se avete la sapienza per ascoltare Dio, avrete benedizioni.

Non c’è ricchezza più grande di poter essere qui – in una cappella semplice e umile – ma ascoltando Dio che ti parla. Quante persone avrebbero bisogno di ascoltare Dio che parla con loro, specialmente quelle la cui malattia è dello spirito, la cui malattia è spirituale. Quante anime avrebbero bisogno della Fiamma Celeste per restaurare dentro di sé l’edificazione della pace. Quante cose possono essere trasformate dalla forza della Parola di Dio. E voi che siete in questa cappella ne siete un esempio. Esempio di chi crede; di chi confida; di chi si affida. Riesce veramente a raggiungere quello che è superiore, quello che è maggiore, quello che supera tutto.

Perché non c’è niente di più importante, oggi, che avere discernimento nel tuo cuore. Discernimento per ascoltare, discernimento per parlare, discernimento per aiutare e persino per ricevere aiuto. Nessuno può dire: io non ho bisogno di aiuto. Ne avrai sempre bisogno!

Puoi avere il mondo materiale, ma se non hai l’essenza della spiritualità, non hai nulla. E l’essenza della spiritualità si realizza attraverso una condivisione: io ricevo, io dono. Quanto più dono, più ricevo e quanto più ricevo, più sarò in grado di dare.

Quante persone oggi dovrebbero dare più testimonianza, essere più di esempio. Quante persone oggi dovrebbero essere più umili, semplici, miti, serene. Quante persone oggi dovrebbero guardare il mondo non con questi occhi di carne, ma guardare il mondo con gli occhi della fede; cercando di vedere quello che gli occhi della carne non possono vedere, ma che gli occhi spirituali riescono a vedere.

Figli miei, senza spiritualità siete un vaso senza vita, senza luce. Dobbiamo avere spiritualità per avere luce, per avere vita, per affrontare le grandi prove, la forte purificazione, che non sarà facile.

Puoi anche volere qualcosa di facile, ma sta arrivando il più difficile, sta arrivando la prova più grande, la sofferenza più grande, il dolore più grande. Le persone sono sempre carenti per quanto riguarda il dialogo, il rispetto, la solidarietà, la carità, l’amore. Ecco perché non ci si può aspettare niente di facile.

Dobbiamo abbracciare la croce e per questa croce dare la nostra vita, dare il nostro cuore, dedicarci completamente all’opera di Dio. Portare la croce è il vero esempio di vita di un cristiano. Chi non porta la croce non ha esempio da dare, non ha sapienza per ricevere. Perché la croce ci rende sapienti! La croce è quella che ci dà sapienza! È quella che ci mostra dove possiamo cambiare, cosa dobbiamo cambiare, come dobbiamo cambiare, cosa facciamo e cosa dobbiamo fare affinché la vita cambi.

Soprattutto la tua vita. Perché oggi essa ha bisogno di qualcosa di superiore a quello che pensi di voler ricevere. Ha bisogno di una sostenibilità spirituale. La tua vita oggi ha bisogno di un fondamento spirituale, di una catechesi, in modo che tu possa conoscere non solo il mondo sulla Terra, ma conoscere la spiritualità. Perché la spiritualità è bellissima, è qualcosa di essenziale, è qualcosa di fondamentale, è qualcosa di meraviglioso nella vita delle persone.

Oggi, senza spiritualità, nessuno può essere felice. Tutto dipende dalla spiritualità. Tutto! Tutta l’essenza della vita dell’uomo ha a che fare con la spiritualità! Devi tornare alla spiritualità! La tua vita, i tuoi atti, le tue azioni, il tuo sì. Il tuo amore si realizza nell’affidamento, nella fedeltà, nella ricerca spirituale.

Figli miei, vi chiedo di offrire questo digiuno. Gesù sta chiedendo tanto il digiuno affinché l’uomo abbia questo fondamento spirituale, affinché voglia avere questo fondamento spirituale, affinché cerchi la base di questo fondamento.

Perché non basta dire semplicemente “voglio”! Ci vuole qualcosa di più, è necessaria la tua buona volontà, il tuo affidamento, la tua determinazione in tutto quello che oggi vuoi fare e devi fare affinché il mondo, l’umanità, il Brasile possano essere più preparati per affrontare questa purificazione e fortificarsi per la grande grazia che il mondo riceverà, che è il Trionfo del mio Cuore Immacolato!

Senza spiritualità, l’uomo non sperimenterà questo Trionfo.
Non sarà nelle condizioni di vedere, sperimentare, partecipare a questo Trionfo. Ecco perché oggi lotto così tanto, figli miei, per la spiritualità nella vita di ognuno di voi.

Con grande gioia, con grande amore benedirò tutti voi!

In questo momento la Madonna benedice tutti i presenti …

Cari e amati figli!
Vi ho benedetti con grande gioia, sono stata molto felice per questo momento di preghiera, per questa vostra presenza viva qui, in questa cappella. Questo significa essere qui con il cuore, aprire il cuore, voler stare qui, ricevere il Cielo nella vostra vita, che è molto importante.

In questo messaggio abbiamo sentito Gesù dirci con grande chiarezza che senza spiritualità l’uomo non è un uomo felice. Quello che realizza l’uomo, quello che fa l’uomo è la sua spiritualità!

E oggi le persone hanno tanto bisogno di avere più fede, più preghiera. Come ci dice Gesù: quanti avrebbero bisogno di essere qui per ascoltare il Cielo, di mettersi in ginocchio in questa semplice cappella, di pregare. Non solo di essere presenti in un luogo di preghiera, ma vivere la spiritualità di questo luogo; riempirsi di Spirito Santo. Immergersi nell’oceano vivo che è il Cuore di Gesù! Questo Oceano Vivo! Questo Oceano purifica le anime, libera le anime e rinnova tutte le creature!

Che il Padre, il Figlio e il Divino Spirito Santo benedicano tutti voi, illuminino tutti voi e vi diano molta pace!

Voi siete i miei fiori che amo, per questo a chi mi offre questi fiori bellissimi dono il mio Cuore Immacolato!

Dio mi chiama. Ecco la Serva del Signore!