Categorie
2020

19.01.2020

traduzione dall’audio

Cari figli,
voglio ringraziare Dio per questo momento, per la preghiera, per il vostro sì.
Dio ha scelto ognuno di voi qui presente per vivere in questo giorno la pace, l’adorazione, la preghiera, il silenzio, l’affidamento, la ricerca delle benedizioni del Cielo. Perché la ricchezza più grande che hai nella vita è Dio – il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

Oggi siamo qui davanti alla ricchezza più grande, che è Gesù. Gesù vive e regna in mezzo a noi. Allora ringraziamo Gesù per le famiglie qui presenti. Quest’anno è un anno molto speciale. Perché l’uomo parla tanto della sofferenza – del dolore, delle malattie, delle malattie spirituali, dei problemi, delle difficoltà materiali e temporali – ma una famiglia è il giardino di Dio. La tua famiglia, la tua comunità, la Santa Chiesa, sono il giardino di Dio. E questo giardino di Dio ha bisogno di essere guarito, liberato, esorcizzato. Perché le famiglie stanno attraversando prove molto forti, che sono le terribili persecuzioni del demonio contro la famiglia.

Quanto il demonio getta il suo veleno sulle famiglie! Soprattutto la divisione. Perché la famiglia ha dimenticato di mettere Dio al primo posto. Oggi quello che la famiglia mette al primo posto è la materia. La materia è importante, ma non è l’essenza. Tu stesso hai una forma materiale, umana, ma in questa forma umana abita Dio, abita lo Spirito Santo di Dio. Ed è dove tu senti, agisci, cammini, ti alzi, ti addormenti, canti, preghi, ti metti in ginocchio e adori Gesù. Perché tu hai vita. Non sei solo materia, hai vita, senti.

Allora la cosa più importante che hai è Dio. La cosa più importante che la tua famiglia deve avere oggi è Dio. E quest’anno, quando Gesù mi ha detto che sarebbe stato l’anno della preghiera per la conversione delle famiglie, io come Madre di questo giardino di Dio, la famiglia, ho sentito nel mio Cuore Immacolato il desiderio che Gesù ha di vedere sulla Terra famiglie sante. Gesù desidera vedere sulla Terra famiglie sante! Ed è per questo che oggi siamo qui nell’anno missionario della preghiera per la conversione della tua famiglia. Tu che arrivi qui come pellegrino, che hai sete e fede, perché oggi non è facile portare – anche alla casa di Dio – i figli di Dio. Non è facile. Non è facile mettere la tua famiglia sul cammino della misericordia. A volte è facile chiamare la tua famiglia ai divertimenti, ai piaceri, ma è molto difficile chiamare la tua famiglia alla casa di Dio, alla vita di preghiera.

E la Madre della Pietà, l’Immacolata Concezione, ha questa missione insieme ai figli. Portare la tua famiglia alla casa di Dio. Portare la tua famiglia al santuario delle famiglie. Ed è per questo che siamo qui in un pomeriggio di pace, tranquillo, soave, anche se là nel tuo cuore ci sono sofferenze, problemi, molto dolore. Ma Gesù ti guarirà. Perché quest’anno è dedicato alla preghiera per la conversione di questo giardino di Gesù, di questo giardino di Dio. Ed è il giardino di cui Dio si prende cura con tanto affetto. Tutti questi anni della mia missione qui in questo santuario, sono dovuti allo zelo per la famiglia.

Le famiglie oggi sono malate, la malattia è il peccato. È quello che ha distrutto la forza del bambino, la forza del giovane, dei padri, delle madri, ma noi siamo qui con la maggiore arma che abbiamo: il rosario, il santo rosario. E quest’arma sconfigge il demonio. Non lo ferisce soltanto, lo sconfigge. Allora se oggi hai una sofferenza nella tua casa, metti Dio nella tua casa, metti la preghiera nella tua casa. Per un momento, allontanati dal rumore del mondo e mettiti in preghiera nella tua casa. Perché le famiglie pregano molto poco. Sono tante le faccende del quotidiano, che la famiglia non si raccoglie in preghiera, come giardino di Dio.

Allora la prima cosa da fare in quest’anno è pregare. E la grazia di stare con Gesù. Fai momenti di adorazione. Oggi è domenica. La domenica per il cristiano, per il figlio di Dio, per la famiglia di Dio che siamo tutti noi, è un giorno maggiore. Perché maggiore? Perché ci avvicina all’adorazione a Gesù. Quando oggi ricevi Gesù nella Santa Comunione, fai un minuto di adorazione. Chiudi gli occhi e rivolgiti a Gesù. Adora Gesù. Metti la tua famiglia nelle profondità del Cuore di Gesù Misericordioso. Avete già avuto questa grazia? Se non l’avete ancora avuta, fatelo! La grazia, dopo la Santa Comunione, di poter mettere la tua famiglia nelle profondità del Cuore di Gesù Misericordioso. E metti anche la sofferenza più grande della tua famiglia. Manca amore nella tua famiglia? Allora metti questa richiesta nel Cuore di Gesù. Manca perdono, lavoro, preghiera, condivisione, carità, pazienza, bontà, benignità? Metti questa richiesta nelle profondità del Cuore di Gesù.

Perché oggi la famiglia ha bisogno di convertirsi. Quando la famiglia si converte, il mondo si trasforma. Da se stesso, il mondo si trasforma. Perché la grande malattia oggi è il demonio che aggredisce, distrugge, che rende le famiglie schiave delle meschinità dei peccati. Mentre Gesù vuole portare la tua famiglia al grande banchetto, alla Santa Eucarestia. Quando parliamo di grande banchetto, figli, non dobbiamo pensare a una grande cena, dobbiamo pensare alla Cena più grande: Gesù, l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo. Questa è la nostra maggiore ricchezza, è il nostro maggiore banchetto.

Allora oggi le famiglie hanno molto bisogno di Gesù, hanno molto bisogno della Santa Eucarestia. È la missione della Madre della Pietà portare la famiglia, che è il giardino di Dio, a Dio. Ecco perché siamo qui. In un pomeriggio di preghiera, in una Valle di preghiera, dove Dio manifesta tutto il suo amore misericordioso nella condivisione, nell’affidamento, nella semplicità, nella necessità di ciascuno. Perché molti vengono per donare, ma grande parte di noi ha bisogno di ricevere. Donare e ricevere. C’è una cosa molto bella che Gesù ci insegna: quanto più doni, tanto più ricevi. E oggi abbiamo bisogno di ricevere molte grazie.

La prima grazia che abbiamo bisogno di ricevere in questa domenica, è che il nostro cuore sia degno di Gesù. Questa è la prima grazia. La seconda grazia è che le nostre famiglie siano di Dio. La famiglia ha bisogno di essere di Dio. E una grazia ricchissima per ricevere Gesù e perché le nostre famiglie siano di Dio, è pregare per la Santa Chiesa. Perché la Via che Gesù ha lasciato qui sulla Terra affinché noi raggiungiamo il Cielo, è Lui. E dove Gesù manifesta tutto il suo amore? Dentro la Chiesa, che siamo tutti noi. Gesù ha bisogno dei sacerdoti e dei laici, Gesù ha bisogno del Santo Padre e dei laici. Noi siamo la famiglia di Dio.

E oggi il demonio cerca di distruggere questa grande famiglia, questo bel giardino di Dio. Allora oggi noi siamo qui per fare questa richiesta speciale a Dio. Nessuno vuole vedere la propria casa in pezzi, nessuno vuole vedere la propria famiglia in pezzi, tutti noi vogliamo vedere la nostra casa e la nostra famiglia piena di Spirito Santo. Per questo oggi vogliamo chiedere lo Spirito Santo. Chiedere allo Spirito Santo di illuminare tutta l’umanità, tutto il clero, tutti i laici. Chiedere allo Spirito Santo di abitare in noi, agire in noi, parlare in noi. Perché Dio ci ama. Quello che Dio più ama nel mondo sono i suoi figli. Per questo Egli ha creato il meglio per i suoi figli. Ha creato una Terra bella per i suoi figli, della quale possiamo dire che ha creato un paradiso per i suoi figli. Ma i suoi figli sono caduti nel peccato. E Dio ci ha dato il perdono, e questo perdono è venuto da Dio stesso, Gesù. E oggi Gesù ci dà la fonte di questo perdono: la misericordia. Affinché raggiungiamo il Regno dei Cieli, la vita eterna, la Casa del Padre.

Allora la conversione delle nostre famiglie oggi è un lavoro missionario, della Chiesa missionaria, Chiesa che cammina per evangelizzare anime e cuori. Portare questa famiglia a Dio, è anche incontrare questa famiglia. È insegnare a questa famiglia a pregare. Molti ancora non sanno pregare. Molti non sanno chi sia Gesù Eucaristico. Molti non sanno cosa sia la Parola, Parola che è vita e salvezza, che è la Parola di Dio. La famiglia oggi è nell’oscurità. Perché è sedotta solo dal mondo materiale, dalla tecnologia, da tutta l’informazione che arriva soltanto dagli uomini, e dimentica la maggiore grazia che Gesù ha concesso agli uomini: lo Spirito Santo di Dio attraverso il battesimo.

Allora devi recuperare questa grazia, non solo cercare nel mondo le informazioni del mondo. Ma diventare consapevole che abbiamo tutti un passaggio di vita che è la Parola di Dio, la Sacra Scrittura, che ci porta tutta la grazia di chi siamo, perché siamo qui e perché dobbiamo seguire Gesù. Siamo qui per volontà di Dio, siamo il giardino di Dio e abbiamo la missione di incontrare Dio. Questa è la missione di ogni famiglia.

Ed è per questo che oggi Gesù si preoccupa tanto e chiede tanto che tu preghi per la conversione della tua famiglia, perché la famiglia è la ricchezza di Dio sulla Terra. E il giorno che la tua famiglia – che è la famiglia intera di questo mondo, perché siamo tutti una famiglia di Dio – tornerà alla Casa del Padre, si realizzerà sulla Terra la pace. Perché la sofferenza oggi è costruita dalle mani degli uomini. L’uomo stesso ha la capacità di costruire cose buone ma anche di lasciarsi sedurre da quelle cattive. E l’influenza delle cose cattive domina molto più facilmente. A volte non vuoi avere tempo per una domenica di preghiera, mentre hai tanto tempo per altre cose. E una cosa molto importante è che Dio non ti chiede tutto il tempo del mondo. Non vi chiede tutto il tempo del mondo, figli! Ti chiede solo di avere un momento per Lui. Egli ti ha dato il mondo, ti ha dato la natura, ti ha dato le montagne, il verde, il mare, Egli vuole che tu viva quello che ti ha dato, ma che tu abbia tempo di fermarti e riflettere che Egli è Padre e che Egli ama. Perché se l’umanità non tornerà a Dio, subirà le conseguenze dei terribili castighi provocati dalle stesse mani umane. Perché raccogliete quello che seminate.

Come sta la tua famiglia oggi? Tu che sei qui oggi e chiudi gli occhi pensando alla tua famiglia: come sta la tua famiglia oggi? Sono certa che la maggior parte delle famiglie stanno attraversando dolori. L’uomo non raccoglie cose belle, perché non ha seminato cose buone. Allora pregare per la conversione della tua famiglia significa mettere Dio dentro la tua casa. È portare la tua famiglia a Dio. Allora la tua famiglia oggi deve avere tempo per pregare, deve avere tempo per fare opere di carità, per fare il bene, per amare le persone. Le persone devono prendersi cura di quelli che un giorno si sono presi cura di loro, che sono le persone più mature, le più anziane. C’è tanta mancanza di amore verso di loro, che spesso oggi sono abbandonati. Allora è necessario questo amore. La famiglia deve amare i bambini, spesso i bambini sono abbandonati, quante volte i bambini vengono crudelmente assassinati prima ancora che nascano.

Allora la famiglia raccoglierà molto dolore, se non aprirà gli occhi ai segni di Dio sulla Terra. Perché la famiglia è sacra agli occhi di Dio. La tua famiglia è sacra. La tua famiglia è una benedizione di Dio. Allora la conversione oggi per le famiglie è qualcosa di molto più serio di quanto possiate immaginare, figli. Per questo, nel corso di quest’anno, rifletteremo sull’importanza della famiglia di Dio, perché noi siamo famiglia di Dio.

Per questo, nella benedizione di oggi, voglio chiedere a Gesù di portare alle famiglie quello di cui le famiglie hanno bisogno: guarigione, pace e amore. Guarire le ferite, avere pace e amare. Ma amare come Gesù ama. In modo sapiente, vero e giusto. Perché l’amore oggi ha portato molti genitori a rendere i loro figli dei figli sofferenti. Perché l’amore deve essere zelante e attento, ma a volte il modo in cui molti amano non è né zelante né attento. Per questo oggi c’è tanta aggressività nella vita dei giovani, che si perdono e si lasciano sedurre da tante strade ingannevoli: vizi, peccati. La gioventù è lo splendore del mondo ma i giovani oggi sono spenti, non brillano.

Allora l’amore di un genitore verso un figlio deve essere l’amore di Dio. L’amore di prendere in braccio e amare. Dio ti ha dato un dono sulla Terra, che è poter essere padre e madre, perché tu costruisca il mondo, perché la famiglia è il grande giardino di Dio sulla Terra. Quindi i tuoi figli saranno la grande luce di questa Terra.
E com’è oggi la vita di questi giovani? Aggressività, turbamento, squilibrio. Allora è necessario che apriamo gli occhi, che non parliamo soltanto della bellezza della famiglia, ma della famiglia che oggi piange chiedendo a Dio misericordia. Questa famiglia è bellissima e ha bisogno di essere bellissima, ma se l’umanità non permette allo Spirito Santo di agire, questa famiglia sarà malata e triste.

È quello che è accaduto all’umanità. Forse non te ne rendi conto, ma io come Madre vedo quanto l’umanità sia senza vita. C’è tanta sofferenza. Nella vita, figli, potete avere la più grande sofferenza, ma se avete Dio e fede, vincete con l’amore. Oggi nessuno ha pazienza, sapienza, discernimento. Le persone non hanno la sapienza di tenersi per mano. C’è molta divisione. E soprattutto sulla via di Dio. Quando vuoi servire Dio come missionario, devi pregare molto lo Spirito Santo, perché un missionario salva anime. La missione di un missionario è portare anime a Dio, non allontanarle da Dio! Allora tu come missionario, come sacerdote, padre, madre, devi salvare anime in questo tempo di oggi, non allontanarle da Dio, ma portarle a Dio. E il modo più bello è tendendo la mano, amando, ascoltando. La sofferenza oggi è chiarissima, ma la misericordia di Dio è molto maggiore della sofferenza. Basta che crediamo, confidiamo e diciamo con grande fiducia: Gesù confido in te!

Con grande affetto voglio darvi la mia benedizione.

la Madonna benedice i presenti

Cari figli,
vi ho benedetti con molto amore. Gesù ci insegna il valore di una famiglia, ci parla della sofferenza, di quello che purtroppo può arrivare per le famiglie: il dolore, le lacrime. Ma tutto può trasformarsi quando le tue ginocchia si piegano e tu chiedi a Dio con fede e con la fede trasformi te stesso e la tua famiglia in un giardino che profuma il mondo, in questo giardino che profuma la Terra.

È un messaggio chiaro, facile da comprendere, da vivere. Gesù ci ha parlato riccamente dell’Eucarestia, della preghiera, della fede, di vivere una vita con Lui, nella sua grazia. Questo è quello che chiedo a Gesù per voi, figli, quando gli chiedo di benedire i fiori per la guarigione e liberazione dei malati nel corpo e nell’anima. Soprattutto dell’anima che ha bisogno di conversione, le famiglie che hanno bisogno di conversione. Che Egli abbia misericordia di queste famiglie e delle anime.

Faccio gli auguri a chi compie gli anni, auguro loro molta pace. Che Dio benedica le famiglie, la Santa Chiesa, i sacerdoti. Continuate saldi nella fede, nella preghiera e nell’obbedienza.

Ecco la Serva di Dio, Maria l’Immacolata Concezione, la Madre della Pietà, ed ecco che il Signore mi chiama.