Categorie
2001

13.11.2001

2001 – Anno dedicato alla Sacra Famiglia di Nazareth
Messaggio del 13.11.2001

Cari e amati figli!
Con grande gioia e amore nel mio Cuore, vi accolgo con affetto in questo momento così speciale, in questa sera così piena di grazie e benedizioni di Dio!

All’inizio di questo messaggio, chiediamo innanzitutto al Padre di concederci la luce necessaria affinché possiamo essere guidati ad amare, perdonare, avere carità, ad essere fraterni. Dio ci ama così tanto! Mi rallegro quando vi guardo e penso che sono qui perché Dio vi ama. È meraviglioso! È bello poter sentire il profumo che trabocca di amore e di pace nel cuore di tutti voi, includendo specialmente questa comunità, che è costruita dalla volontà del Cielo, guidata dalla Misericordia del Cielo.

La vostra vita è così bella, figli! In un mondo così povero di amore, di fede, di condivisione, voi qui avete la grazia di vivere, di abbracciare i disegni di Dio. È meraviglioso! Tutto quello che dobbiamo fare è ringraziare. Ringraziare molto, ringraziare per tutto. Dio è così buono!

Voglio sempre ricordarvi la bontà di Dio, l’affetto che Egli ha per voi! Ricco è il cuore di colui che si fida, che si abbandona, che prega, che perdona. Ecco perché oggi vi ho chiamati a servire Dio in modo autentico, vero, perché so che molti di voi, figli, pur essendo così vicini alla grazia, spesso non sanno valorizzarla, mentre questa valorizzazione è così importante.

La vita è un dono di Dio! Nessuno può giocare con questo dono. Il mondo sta vivendo un anno molto difficile, quest’anno è stato un anno segnato dalle difficoltà, dalla miseria, dalla violenza, e questa non è ancora la tribolazione che verrà, che sarà molto più difficile.

Gesù parla chiaramente della mancanza di rispetto degli uomini, della mancanza di amore delle persone, della mancanza di fede, di crescita spirituale, di responsabilità. Mi piacerebbe molto che voi cercaste (ognuno di voi) di guardare dentro di voi in un modo speciale, di esaminare il vostro cuore. Perché, figli miei, in una notte di benedizioni vi vengono concesse così tante grazie!

Il Padre è qui, il Figlio è qui, lo Spirito Santo è qui. In un momento in cui avete bisogno di pregare così tanto per la pace nel mondo, per la conversione dei peccatori, per la santificazione delle famiglie. Le famiglie oggi vengono distrutte sempre più. C’è una grande mancanza di amore nel cuore dei padri, delle madri e dei figli. Il mondo si trova davanti a un grande abisso, sta cadendo a pezzi davanti a questo abisso di dolore.

Quindi è necessario pregare, guardare nell’intimo della tua anima, parlare con Dio che è dentro di te! Gesù è in te! Gli ho chiesto di renderti fedele, perseverante!

Voi che avete pregato in modo così bello attraverso la preghiera del Santo Rosario, la preghiera del Rosario Fraterno, la preghiera dell’Assedio di Gerico, dovete lasciare che la grazia di Dio agisca in voi, conduca ognuno di voi, perché senza Dio, figli, nessuno può vincere, nessuno può vivere, nessuno può superare le difficoltà, nessuno può andare avanti, solo con Lui e vicino a Lui possiamo fare tutto.

Ecco perché oggi voglio benedire tutti i figli che sono venuti da così lontano. Che Dio vi conduca, che protegga questi figli dal cuore saggio che vengono alla fonte della grazia e dell’amore di Dio. Con grande gioia voglio darvi la mia benedizione!

in questo momento la Madonna benedice tutti

Cari e amati figli!
Vi ho benedetti con grande gioia e amore!
Ho benedetto tutti voi e in modo molto speciale tutti i figli e le figlie qui presenti.
Chiedo anche allo Spirito Santo di concedervi sempre la sapienza, l’intelletto, la vera intelligenza, affinché possiate vivere la parola del Cielo. Perché è così bello vivere la parola di Dio!

Oggi siamo invitati da Gesù a pregare, ad amare, a esaminare la nostra coscienza, a vedere Dio presente in noi, ad agire per il bene, a fare il bene. Perché tutta questa sofferenza, figli, è conseguenza della mancanza di rispetto, della disobbedienza a Dio.
Rimarrete stupiti dalla terribile sofferenza che verrà, e solo allora capirete perché chiedo tanto il timore di Dio e l’autenticità.

Rimanete nella pace!
A tutti voi che mi avete offerto questi bellissimi fiori, io dono il mio Cuore di Madre.
Ora vado, il Signore mi chiama. Ecco la Serva del Signore!