Categorie
2013

22.05.2013

traduzione dall’audio

Cari figli,
è una gioia immensa poter evangelizzare, soprattutto in tempi in cui la necessità di seminare nei cuori il seme del bene, della pace e della fraternità è così urgente. Ed è immensa la necessità degli uomini della Terra di questa grazia di amore, di pace e di speranza.

In quest’anno della Fede e della Buona Volontà, dedicato ai giovani, vogliamo innanzitutto chiedere molta luce, affinché soprattutto le nazioni che vivono la sofferenza siano protette dalla misericordia divina. C’è molta miseria, malattie, infermità. C’è tanta fame di Dio, fame di pace. C’è molta ricerca, ma gli uomini non sempre sanno che la fonte è Gesù Cristo. E oggi la necessità più grande degli uomini è comprendere che Egli è questa fonte, che senza di Lui il mondo non potrà capire niente, non potrà sperimentare niente e cambiare veramente.

Perché lo Spirito Santo agisce nell’intimo dei nostri cuori. E il nostro cuore ha sete dell’azione dello Spirito Santo. Gesù dice che il momento più glorioso per la vita degli uomini è l’incontro con lo Spirito Santo. E voi avete già avuto la grande ricerca di questa presenza dello Spirito Santo, che è la presenza della Pentecoste nei nostri cuori, la discesa dello Spirito Santo su di noi. E noi qui possiamo ringraziare Dio, perché questa presenza dello Spirito Santo è costantemente presente nelle nostre anime, soprattutto nel momento in cui il Cielo porta la Parola, porta l’insegnamento, invia messaggi. Quante cose belle lo Spirito Santo effonde su di noi! Quante grazie, quante benedizioni, quanti prodigi, quante ricchezze che nessun oro del mondo può comprare, ma la presenza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo ci fa immergere in questa immensa e profonda ricchezza, che ha un valore trasformante.

Perché l’uomo vecchio, stanco, sofferente, improvvisamente diventa un uomo nuovo, pieno di speranza, di fede, di fiducia, un uomo che è veramente capace di avvicinarsi al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo ed edificare tutta la ricchezza della sua crescita nella fede, nell’obbedienza, che comprende realmente quello che Dio vuole, perché Dio lo ha scelto. Perché tu che sei qui oggi in questa piccola cappella, sei stato scelto da Dio, anche con le tue fragilità.

E Gesù vuole, insieme allo Spirito Santo, renderti forte. Che tu abbia sapienza per rinunciare all’ego, al capriccio. Il peccato fa in modo che tu diventi cieco agli insegnamenti del Cielo, alla Parola di Dio. Perché la Parola di Dio vuole la tua felicità. Dio vuole il bene per te. Allora sii anche tu responsabile di abbracciare questo Dio vivo che ti ama e di realizzare nella tua vita il grande miracolo della presenza di questo Padre che ti accoglie, che ti ripara, che ti protegge, che ti illumina, che ti salva, che ti riscatta. Perché eri in un abisso ed Egli ti ha riscattato. E tu non puoi continuare a stare in questo abisso, perché hai la catechesi, hai l’insegnamento, sai veramente quello che ti rende felice.

In questo giorno, figli, Gesù vuole e desidera che il nostro cuore sia sempre dello Spirito Santo. Allora chiediamo allo Spirito Santo di venire a proteggere la Comunità Fraterna. In quest’anno della fede, Gesù vuole realizzare un miracolo nella vita di ogni strumento da Lui guidato a questa fraternità, che è il miracolo della guarigione, della liberazione. Vuole fare nuove tutte le creature, mettere la santità nel cuore di tutti gli uomini, che qui sperimentano il potere di Dio, la bontà di Dio.

Allora sii sapiente! Abbi veramente il desiderio che la tua vita non continui ad essere di dolore, ma di gioia. Permetti la gioia. Perché la sofferenza sarà così forte per quelli che si ostineranno a rimanere nell’errore, che non sopravvivranno. Gesù vuole darti il sollievo. Pensa all’ora in cui Egli è morto per te sulla croce. Era un peso così amaro sulla Terra, che tutta la Terra ha tremato. Gesù non vuole che questa sofferenza si ripeta. Per questo ci sta dando la grazia di camminare sotto la sua protezione, ma dobbiamo anche essere consapevoli del timore di Dio.

Se sei un uomo che teme Dio, la tua vita fiorirà, lo Spirito Santo irradierà luce, ma se rimani nell’errore e vuoi rimanere nell’errore, raccoglierai le conseguenze di questa disobbedienza a Dio, che è molto grave. Perché chi non conosce la catechesi, soffrirà, ma chi la conosce soffrirà molto di più, perché aveva l’opportunità di vedere la grazia, di ottenere la grazia, e per orgoglio non l’ha voluta. Ha negato Dio. Allora dobbiamo avere sete di essere servi di Dio, di dire: “Signore, che la nostra vita sia secondo la tua santa volontà”.

Con gioia e amore, voglio benedire tutti i figli.

la Madonna benedice i presenti

Cari figli,
ho benedetto con affetto tutti i figli.

Gesù oggi ci chiede di essere dello Spirito Santo. Cosa significa essere dello Spirito Santo? Significa essere santi. Una parola fortissima. Santi!
Con parole così belle, in quest’anno della fede, Gesù ha detto che ci vuole santi. E noi siamo felici, perché sappiamo che Gesù cammina con noi. Allora abbiamo la grazia di essere santi, perché Egli cammina davanti a noi, dandoci la sapienza per il cammino della sanità. E lo Spirito Santo arriva sempre insieme a Gesù, per illuminarci.

Ho benedetto i miei figli Donizete, Valdemir, Maria Luisa: che Gesù vi conceda molta forza, sapienza, discernimento, coraggio, fede, perché la ricchezza più grande della vita di quelli che oggi lodano il Signore, è ringraziare per il dono della vita. Anche mio figlio Márcio.
Sono molti i festeggiati di oggi, molti non sono qui, ma ovunque siano il fiore della grazia dello Spirito Santo, con i suoi raggi di luce, riempirà i loro cuori di benedizioni, di molta pace e di molto amore.

Rimanete nella pace, alla presenza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
A chi mi ha offerto questi fiori bellissimi, dono il mio Cuore di Madre.
Il Signore mi chiama. Sono la Madre della Pietà, la Serva di Dio. Ecco la Serva del Signore.