Categorie
2019

19.05.2019

2019 – Anno delle missioni e delle comunità
Messaggio di domenica 19.05.2019

Cari figli!
Con grande gioia e amore, sono felice di incontrare questo bellissimo popolo di Dio – missionari e missionarie, famiglie – in questa domenica dedicata alla famiglia. In questo momento di preghiera, in un mese così speciale per l’Immacolata Concezione, la Madre e Signora del Rosario di Fatima. Una Madre che lotta con affetto insieme ai figli per il Trionfo del suo Cuore Immacolato, che è la vittoria di Dio. La grandiosa vittoria divina!

La grande vittoria si fa con il Santo Rosario. Questa è la grande vittoria del popolo di Dio. La preghiera è la grande vittoria. Avete motivo di gioia perché qui, in questa Valle della Misericordia, dell’Immacolata Concezione, si prega intensamente. Era stata una richiesta speciale: la vita di preghiera.

Oggi mi sento incoronata dalla vostra preghiera. Quando siete tristi: pregate perché la tristezza passi! Perché Dio è più grande della tristezza che cerca di abbattervi. E non preoccupatevi, perché il bambino segue l’esempio dei genitori. Per questo, questa è la domenica delle famiglie. La famiglia è il grande tabernacolo dell’amore, perché Gesù Eucaristico è l’amore e il grande tabernacolo è il nostro cuore, in particolare il cuore della famiglia.

Nel cammino di evangelizzazione, voi lottate per la crescita spirituale dei bambini, affinché non abbiano la stessa sofferenza dei giovani. I giovani stanno vivendo un tempo di grande sofferenza, essendosi perduti lungo il cammino, per seguire la strada larga dei piaceri del mondo. Una strada che ha allontanato tanti cuori dalla via del Signore.

Gesù Cristo ci chiede di evangelizzare le famiglie perché, se la famiglia si sveglia e inizia a catechizzare i suoi figli, fin da quando sono piccoli, nessuno potrà abbattere le fondamenta di questi figli.

Il fondamento è Cristo! Si può iniziare con sapienza a porre le fondamenta, come state facendo qui. State vivendo l’adorazione a Gesù, amando Gesù, volendo veramente il Cielo – vivere il Cielo, questa benedizione! State servendo, amando, perdonando, facendo la carità, vivendo in fraternità. Quindi vi muovete verso la costruzione di un mondo nuovo, giusto e fraterno.

I bambini sono la luce di cui avremo bisogno perché il mondo cambi. Con una condotta santa della famiglia, i bambini non si perderanno, perché le famiglie avranno questo fondamento di preghiera. Quando la sofferenza busserà alla porta della tua casa, troverà una famiglia che vive la preghiera. Allora, per quanto grande sia la sofferenza, essa non ti colpirà. Non colpirà in quel punto in cui Gesù vuole che tu sia forte, che è la tua anima, il tuo cuore.

L’importante nella nostra vita è sapere che, se abbiamo Dio, abbiamo tutto! La famiglia che ha la preghiera ha tutto quello di cui ha bisogno nella sua vita: amore, carità, fraternità e solidarietà.

Guardate Gesù come avete fatto oggi, adorandolo. L’uomo ha bisogno di una grande trasformazione, tutta l’umanità ha bisogno di essere trasformata. La grande trasformazione avviene nel cuore dell’uomo. Dove vuole andare l’uomo se è cieco all’amore, alla religione, al perdono e a Cristo? Se apre gli occhi soltanto ai capricci, alla superbia, all’avidità e ai peccati, le sue fondamenta saranno distrutte! Se permette al nemico di prendersi gioco di lui, distruggendo il fondamento che deve avere, che è una fede incrollabile come la roccia, contro la quale può anche arrivare una tempesta, ma essa diventa ancora più salda. Il buon servo soffre persecuzioni, per essere un buon servo.

La famiglia deve avere queste fondamenta fatte da una vita di preghiera.

Questo è il mese dedicato alle madri, alla Madre di Dio, come Regina e Patrona del Brasile, Madre e Signora del Rosario di Fatima. È un mese dedicato alla lotta per il trionfo del mio Cuore Immacolato, alla pace e all’amore. Abbiamo qui un popolo di Dio che ha sete di vita nuova. Il più grande miracolo che desidero avvenga è la trasformazione della vostra vita, figli!

È facile guarire una ferita nella carne, ma è difficile guarire le ferite nell’anima. L’uomo continua sempre a cadere per la stessa debolezza. Dio vuole che tu sia forte!

Il messaggio che Gesù Cristo vuole trasmettere alla tua famiglia, alla tua comunità, è questo: “essere missionario è avere forza”. Non lasciarsi abbattere. Quando la sofferenza è grande, mettiti in ginocchio e dì con tutto il cuore: “Padre, grazie!”. Questo è un segno della presenza di Dio che vivi. Il nemico è terrorizzato dalla preghiera.

Ecco perché quando voi pregate qui, figli – in questa domenica in cui avete ancora la grazia di ricevere questa catechesi, che non so fino a quando Gesù permetterà – la preghiera vi porta la grazia di essere figli santi. Questa è la via: preghiera, Eucarestia, adorazione, silenzio, condivisione e fraternità.

Tu che sei in ansia per il domani, soffri per il presente, non perdoni il passato, ma all’improvviso Dio ti concede la bellissima esperienza dell’amore misericordioso. E nel fare questa esperienza, tu sei guarito. Non discutete sulla vostra missione, perché siete missionari. Per quanto sia pesante la tua battaglia, mettiti in ginocchio e ringrazia. È in questo modo che sarai vittorioso, che farai esperienza della vittoria. Questa è la sapienza per vincere le battaglie.

Quando sai che l’amore vince le battaglie, allora fai esperienza della vittoria. Avete molto bisogno di vittoria. Le lotte e le prove sono innumerevoli. È il mondo che ha bisogno di questo amore che Gesù riverserà su di noi. E lo strumento missionario, che sei tu, porta l’amore alle persone che ne hanno bisogno.

La missione, quindi, è evangelizzare con amore, con gioia e con il sorriso, perché le persone sono nelle lacrime a causa dell’immensa sofferenza. Esse hanno la risposta per superare la sofferenza, ma non hanno il coraggio di affrontarla. Sono ancora prigioniere delle briciole che il nemico offre loro. Ma le briciole devono essere superate. Dio vi sta offrendo il Cielo, quindi non potete lasciarvi condurre da queste briciole.

La famiglia deve essere un cielo di luce: illuminata, benedetta e fervente. La famiglia deve avere fede, credere e chiedere. Chiedendo, riceverà. Qualunque cosa chiederete a Gesù con fede, la otterrete, e otterrete molto di più. Tutto, figli!

Fai silenzio nel tuo cuore quando parli con Gesù. Affidagli la tua missione, le prove e le persecuzioni.

Devo però avvisare quelli che purtroppo non cercano la conversione e sono ancora prigionieri delle briciole degli intrighi, delle persecuzioni e dei giudizi. Gesù parla della fraternità quando dice: “Chi non valorizza la fraternità, non merita di vivere in essa”. Pertanto, dovete valorizzare l’opera di Dio nella vostra vita, che è la terra viva della fraternità. Siate missionari di Cristo, Chiesa viva, amore vero.

L’amore vero è quello di chi piange con quelli che piangono e sorride con quelli che sorridono, di chi tende la mano ai disperati, di chi ha comprensione per gli afflitti.

Quanti qui sono nella disperazione per le malattie spirituali. Sono persone che cadono in totale squilibrio, perché è un tempo di sofferenza, figli! Se il mondo stesse vivendo un tempo benedetto e ricco di grazie, io non sarei qui in corpo e anima. In effetti, il mondo è in un tempo di grazie e benedizioni, ma sperimenta anche una grande sofferenza spirituale. Ha bisogno di molta preghiera.

Gesù mi ha detto: “Madre, solo la preghiera può combattere la sofferenza che sta colpendo la terra. Solo la preghiera!”. E voi potete pregare, figli! Chi ha il rosario in mano, preghi! Questi grani benedetti hanno potere, hanno valore. Il rosario è qualcosa di così semplice, ma l’essenza della preghiera è così forte! Perché, se rifletti, abbatte il demonio.

Questo piccolo regalo (corone del rosario distribuite gratuitamente), così semplice, è potente. Il piccolo rosario è potente! Se la tua casa soffre, prega. Se il Brasile sta soffrendo, prega. La preghiera ci offre il potere della guarigione. È il potere di annunciare Gesù: “benedetto è il frutto del tuo grembo”. Il grembo della Madre che ha abbracciato Gesù, per mezzo dello Spirito Santo!

Allora, abbraccia Gesù in ogni momento di preghiera. Rendi il tuo cuore un cuore degno di Gesù. Quello che conta non è l’apparenza, ma l’essenza. È il profumo delle famiglie. Le famiglie che pregano sono felici.

Ci sono qui bambini che piangono per essere visti, sono lacrime di dolore. Stanno chiedendo aiuto, misericordia. È difficile da vedere, figli! Tu guardi la natura e distingui il verde più forte dal verde più delicato. Guardi il giardino e vedi i colori delle rose: bianco, giallo, rosso. Cammini lungo il sentiero, trovi una roccia e ne osservi la natura, ma è così difficile vedere che nella tua comunità, e persino nella tua casa, c’è un bambino che chiede aiuto. Che dice: “Ho bisogno di amore!”.

Questo è quello che è successo al mondo. Vede tutto. Ma non vede la preziosa ricchezza che Dio gli ha dato, che è la famiglia.

Il sacerdote viene da una famiglia, il Santo Padre viene da una famiglia, i missionari vengono da una famiglia. Il giorno in cui la famiglia lotterà per la santità, la Chiesa e il mondo intero saranno santi. Padri santi, sacerdoti santi, matrimoni santi, giovani sani e santi.

La grazia di evangelizzare le famiglie è una grande e difficile missione. Il nemico non vuole che le famiglie siano evangelizzate. Ecco perché siete qui a pregare, a ricevere il dono di Dio, che è Dio stesso, e adorandolo; inginocchiandovi davanti a Dio e intercedendo per il mondo, per il Brasile. È necessario avere sempre questa fede bella, questa fede viva, perché Io vi confermo che l’amore di Dio è misericordia per ciascuno di noi. Questo amore misericordioso è il più grande amore del mondo.

Con affetto, desidero darvi la mia benedizione.

in questo momento la Madonna benedice i presenti

Cari figli!
Ho benedetto con affetto tutti voi. Questa è stata una catechesi bellissima che ho avuto la gioia di portarvi. Potervela portare è un dono con il quale la Santissima Trinità mi onora. È una catechesi di amore per le famiglie. Prendiamoci cura delle famiglie. Diventiamo famiglie sante. Preghiamo, catechizziamo. Cerchiamo, realmente, questo profumo dell’amore di Dio.

Maria è Madre, Madre di Dio, Madre vostra. Ha ricevuto lo Spirito Santo, ha ricevuto il grande messaggio, il grande insegnamento del Cielo. E Dio mi ha dato la grazia di essere Immacolata: l’Immacolata Concezione! Dio vi renderà figli santi, benedetti e vittoriosi.

Faccio gli auguri alle famiglie che stanno festeggiando l’anniversario di matrimonio. Che Dio benedica questa unione.

Che Dio benedica i presenti che oggi compiono gli anni e il popolo di Dio, popolo di fede, umile. Il mio Cuore vi accoglie con grande amore. La Sacra Famiglia vi accoglie con grande amore. Gesù Misericordioso, insieme al Padre e allo Spirito Santo – la Santissima Trinità – è tutto questo amore per noi.

Che la Santissima Trinità vi bendica oggi e sempre.

Chiedo a Gesù di benedire questi fiori per la guarigione e liberazione dei malati nel corpo e nell’anima. Egli li benedice con affetto. Egli è il miracolo!

Ecco la Serva di Dio, la Madre della Pietà, l’Immacolata Concezione, ed ecco che il Signore mi chiama!